Risparmiare sull’Rc auto attraverso maggiori controlli

risparmiare sull'Rc autoLa riforma sulle assicurazioni prossima all’approvazione. Si potrà risparmiare sull’Rc auto grazie a scatola nera e ispezioni preventive

Provvedimenti e successive abolizioni, annunci in pompa magna e dietrofront in sordina hanno movimentato e fatto scoppiare in una bolla di sapone il chiacchiericcio (perché alla fine di questo si è trattato) in merito alla legislazione sulle politiche assicurative. Alla fine, l’unico metodo concreto messo a disposizione degli italiani per risparmiare sull’Rc auto è stato fornito dal web, grazie ai vari portali di comparazione dove è possibile porre le tariffe Direct Line a confronto con quelle di Linear, Genialloyd o tutte le altre.

Prima, la sparizione dal Decreto Destinazione Italia di lettiana memoria dell’articolo n. 8, quello che avrebbe dovuto sancire il risarcimento in forma specifica mediante l’intervento di carrozzerie private (con relative polemiche da parte delle associazioni di categoria e dibattiti sulla concorrenza sleale); quindi l’annuncio e il successivo ritiro di un indurimento dei controlli sulle auto fantasma, quelle prive di copertura assicurativa, che si sarebbe dovuto effettuare mediante l’utilizzo di autovelox e satellitari nelle zone a traffico limitato. Ora arriva un’altra ventata di riformismo assicurativo, con la speranza che, però, stavolta non ci siano nuovi scossoni in fase di ufficializzazione.

Nel prossimo Consiglio dell’Esecutivo del Governo si potrebbe varare una serie di provvedimenti volti a tutelare gli automobilisti e i motociclisti virtuosi, stilando un ventaglio di possibili operazioni che permetterebbero di risparmiare sull’Rc auto. Tali opzioni potrebbero essere inserite all’interno del disegno di legge sulla concorrenza o, in alternativa, essere pubblicate come Decreto autonomo.

In particolare, la nuova disciplina messa a punto dal Sottosegretario allo Sviluppo economico Simona Vicari (NCD), prevede sconti e riduzioni per gli automobilisti disposti ad accettare controlli più pressanti da parte delle compagnie assicurative. Queste ultime potranno proporre agli assicurati di effettuare un’ispezione preventiva sul veicolo. L’assicurato può arbitrariamente declinare la richiesta, tuttavia ha diritto ad una riduzione sul prezzo della polizza in caso di accettazione.

Continua l’iter legislativo dell’ormai famosa black box che, secondo le ultime novità, sarà estesa anche ai veicoli su due ruote. Essa sarà concessa ai guidatori a titolo gratuito da parte dell’assicurazione, la quale si farà carico delle spese. Il contraente avrà diritto a uno sconto sulla polizza e la compagnia sarà tenuta a tenere conto delle risultanze della scatola nera come prova in giudizio in caso di sinistro. Infine, ulteriori sgravi saranno concessi a chi scelga di inserire nel proprio contratto assicurativo il divieto di cessione del diritto di risarcimento.

Condividi questo articolo