Saldi, si parte domani. Confcommercio: 237 euro a famiglia

 

Tempo di saldi: dopo Molise, Campania e Basilicata dove sono iniziati i primi due giorni di luglio, da domani le vendite di fine stagione partono in tutte le altre regioni. Quanto spenderanno le famiglie? Secondo i Consumatori ben poco, mentre sembrano più ottimistiche le previsioni dell’Ufficio Studi Confcommercio, per il quale ogni famiglia spenderà in media per l’acquisto di abbigliamento e calzature in saldo 237 euro, per un valore complessivo di 3,7 miliardi di euro. Ogni persona spenderà circa 100 euro.

Il numero di famiglie che farà acquisti in saldo è stimato in 15,4 milioni, e l’incidenza percentuale dei saldi estivi sulle vendite totali  dell’anno sarà pari al 12%. Le vendite estive, ricorda la sigla, sono un momento di richiamo per le famiglie anche se negli ultimi anni questa voce si è ridotta costantemente per il calo del reddito disponibile. I commercianti ripongono fiducia nel bonus di 80 euro varato a maggio: “Ci auguriamo  - afferma Renato Borghi, presidente di Federazione Moda Italia e vicepresidente di Confcommercio – che il bonus di 80 euro, di cui hanno beneficiato 10 milioni di italiani, contribuisca a dare una scossa ai consumi di abbigliamento, calzature, pelletteria, accessori, tessile per la casa ed articoli sportivi. La speranza è motivata anche dalla leggera crescita della fiducia personale registrata nel mese di giugno. Le proposte nei nostri negozi, stante la stagnazione delle vendite nel mese di giugno dovuta anche all’inclemenza climatica, saranno quest’anno particolarmente interessanti sia per varietà e molteplicità di scelta che per gli sconti che prevediamo mediamente superiori al 40%. I saldi – conclude Borghi – dimostrano di conservare un appeal sempre forte da parte dei consumatori e i nostri negozi si avvarranno di queste vendite per incontrare le diverse esigenze dei clienti italiani e stranieri che raggiungeranno appositamente l’Italia per questo ricorrente rito collettivo”. Senza contare, prosegue la sigla, che in diverse città sono state varate iniziative quali “Saldi Chiari”, “Saldi Trasparenti”, “Saldi Tranquilli”.

Le stime delle associazioni consumatori sono un po’ diverse. Per Federconsumatori e Adusbef solo una famiglia su tre farà acquisti, spendendo appena 113 euro a famiglia. Per il Codacons, ci sarà anche quest’anno una contrazione degli acquisti, ma più contenuta. Per l’associazione “il calo delle vendite rispetto ai precedenti saldi del 2013 si attesterà attorno al -8%, con una spesa procapite che non supererà quota 65 euro. Meno di una famiglia su due (il 45% circa) approfitterà dei saldi per fare qualche acquisto, prestando molta più attenzione degli anni passati al fattore prezzo e confrontando i listini dei vari negozi prima di effettuare compere. Se nel 2008 la spesa complessiva delle famiglie durante gli sconti estivi di fine stagione era stata di circa 4 miliardi di euro, quest’anno si attesterà attorno a 1,8 miliardi di euro, ben 2,2 miliardi di euro in meno spesi durante i saldi in soli 6 anni”.

Condividi questo articolo