Scuola verso riforma, Adoc: detrazioni per acquisto libri

Famiglia Bella

In attesa di sapere con certezza cosa conterrà la nuova riforma sulla scuola, che verrà presentata in Consiglio dei Ministri venerdì prossimo, si rincorrono le voci sulle principali novità: dall’assunzione di 100mila precari all’eliminazione delle supplenze, ai premi per merito. Al di là di quste indiscrezioni, l’Adoc chiede che si prevedano detrazioni fiscali per le famiglie sull’acquisto di libri e materiale didattico che pesano per ogni figlio circa  400 euro. 

E il 40% delle famiglie è in difficoltà di fronte a questa spesa). “La riforma della scuola non sarebbe completa senza un intervento concreto in aiuto alle famiglie – dichiara Lamberto Santini, Presidente dell’Adoc – occorre intervenire subito per ridurre i costi sostenuti dalle famiglie, prevedendo importanti detrazioni fiscali significative sull’acquisto di libri scolastici e materiale didattico, alla pari di quanto previsto per i costi sostenuti per le iscrizioni ai corsi, e almeno fino alla fine della scuola dell’obbligo.

“Oggi in media una famiglia spende 250 euro l’anno per l’acquisto dei libri per ogni figlio più l’eventuale corredo e altri materiali, superando anche il tetto dei 400 euro annui. Una spesa eccessiva, che mette in difficoltà il 40% circa delle famiglie. Va realizzato un sistema di aiuti e detrazioni che si avvicini al modello scandinavo, dove le spese per i materiali didattici sono completamente a carico dello Stato. Investire sulla scuola, sulla formazione, sulla cultura, è fondamentale e irrinunciabile. Ma se non vengono forniti alle famiglie, ai cittadini gli strumenti più idonei per lo sviluppo si rischia di rimanere indietro, senza possibilità di ripresa.”

Condividi questo articolo