Seggiolini auto, non sono tutti uguali: Quattroruote pubblica crash test

 

Non tutti i seggiolini da auto sono uguali: lo dimostrano i risultati dei crash test realizzati dalla rivista tedesca Auto Motor und Sport e pubblicati su Quattroruote di luglio. Buoni i risultati per ovetti e navicelle; qualche problema per i seggiolini dei gruppi superiori. Il Concord Transformer XT Pro montato contromarcia ha registrato la rottura dello schienale con pericolo per il capo; testato in senso di marcia ha evidenziato cinture di sicurezza poco contenitive: il manichino di 6 anni è slittato in avanti, con rischi per il torace e il collo. Valori di sollecitazione della testa al limite della norma anche per Cybex Solution Q Fix e Britax Kidfix XP. 

Quattroruote di luglio, anche in vista degli spostamenti estivi, rilancia la questione sicurezza dei bambini in auto (6 su 10 quelli che viaggiano non in sicurezza secondo l’Aci) e con il supporto della divisione meccanica del Csi di Bollate, azienda specializzata in test e omologazione, spiega quali sono i rischi a cui si va incontro non prestando la dovuta attenzione.

“Il trasporto in senso contrario di marcia evita eccessive sollecitazioni al collo e quindi alla testa, che è la parte più pesante del corpo di un bambino: va mantenuta fino a quando gli spazi per le gambe lo consentono, anche ai tre anni d’età – spiega Fausto Mozzarelli del Csi – Le cinturine vanno sempre ben tese, tra il nastro e il corpo non deve passare più di un dito. Attenzione anche ai più grandi (oltre 15 kg): per prevenire danni da impatti laterali, è meglio preferire dispositivi dotati di sostegni laterali e schienale, evitando le tavolette. I sistemi più flessibili prevedono anche il poggiatesta reclinabile utile per evitare sbilanciamenti in avanti. In questo senso anche la normativa i-Size (R129) che è entrata in vigore nel 2013 affiancando la ECE 44-04. Quando la sostituirà completamente, si parla del 2016, essa renderà obbligatoria la posizione opposta al senso di marcia fino ai 15 mesi e toglierà l’omologazione alle tavolette e ai sistemi senza protezione per la testa.

Per i crash test effettuati dalla rivista tedesca, in collaborazione con il Tüv Sud è stato preso un campione di seggiolini, montati su una Golf V e sottoposti alla prova di urto frontale a 51 km/h. Se per ovetti e navicelle tutti i prodotti sono stati classificati come buoni, le differenze più marcate si notano tra quelli dei gruppi superiori. Il Concord Transformer XT Pro, montato contromarcia con il cuscino-tavolino (con manichino di un anno), ha registrato la rottura dello schienale, con pericolo per il capo. Lo stesso prodotto, testato in senso di marcia con occupante più grande (6 anni), ha evidenziato cinture di sicurezza poco contenitive: il manichino è slittato in avanti, con rischi per il torace e il collo. Valori di sollecitazione della testa al limite della norma anche per Cybex Solution Q Fix e Britax Kidfix XP.

Condividi questo articolo