Supremazia delle donne: si avvicina una nuova era tutta al femminile

era_delle_donne.jpg.pagespeed.ce.M4NfUM-COhC9d1EE-JB2

Uguaglianza? Pari opportunità? Si sta avvicinando una nuova era di supremazia per le donne, un periodo tutto al femminile, con il favore della biologia. Forse si tratta di un ritorno alla società matriarcale dopo il secolare predominio maschile?

 

Siamo dalla parte di chi pensa che uomini e donne debbano avere pari diritti come esseri umani, ma ora pare che l’evoluzione stia favorendo le donne rispetto agli uomini. Ecco allora la teoria di un antropologo statunitense. La biologia è davvero dalla parte delle donne?

I vantaggi biologici delle donne starebbero diventando nettamente più importanti rispetto a quelli degli uomini. Forse ora i vantaggi maschili non servono più o possono diventare addirittura problematici. Ecco il messaggio al centro del libro “Women After All: Sex, Evolution, and the End of Male Supremacy” scritto da Melvin Konner, antropologo e neuroscienziato della Emory University.

L’esperto espone la propria tesi a partire da esempi tratti dall’etologia, dalla biologia evoluzionistica, dalla neurobiologia e dalla storia. In passato gli uomini sono stati avvantaggiati dalla forza fisica per lo svolgimento di alcune mansioni e professioni. Nell’era tecnologica di oggi avere una grande forza fisica non serve più (pensiamo soprattutto alla società dei Paesi ricchi). Dunque anche le donne, fisicamente più deboli per costituzione, possono aspirare a ruoli di rilievo nel lavoro e nella società.

”Una donna non ha bisogno di passare il fitness test dei Marine per pilotare un drone da un ufficio in Colorado. Abbiamo donne che pilotano F16 e Apache che hanno una potenza di fuoco che qualunque guerriero potrebbe solo sognare”ha osservato in proposito Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti.

In base alle statistiche, inoltre, possedere il cromosoma Y non sarebbe un grande vantaggio. Gli uomini infatti avrebbero un’aspettativa di vita più breve e correrebbero un maggior rischio di morte a causa di crimini violenti o di incidenti. Per gli uomini risulta maggiore anche il rischio di finire in carcere.

Siamo dunque molto vicini all’inizio dell’era della supremazia della donna? Secondo lo scienziato e autore dovremo attendere ancora per un po’. Sa bene però che le donne stanno lottando da tempi per infrangere numerose barriere e per migliorare la propria posizione sociale, lavorativa e come persone. Allora non smettiamo mai di lottare per i nostri diritti e per migliorarci.

Marta Albè

Fonte: greenme.it

Fonte foto: livescience.com

Condividi questo articolo