Telecom Italia diventa Tim, CRTCU: occhio alle tariffe, si può recedere fino al 31 maggio

telecom

La dead line per gli utenti Telecom Italia è alle porte: dal 1° maggio 2015 gli utenti di linea fissa e mobile confluiranno in Tim. Un passaggio che coinvolgerà milioni di consumatori e non sarà indolore. La novità più evidente è che scompare l’odiato canone (almeno di nome), trasformato in un’offerta “tutto compreso” che non necessariamente farà risparmiare. Lo precisa il CRTCU ricordando che è possibile recedere dal contratto, senza costi aggiuntivi, fino al 31 maggio. 

Ecco le offerte che Telecom Italia sta proponendo ai suoi utenti coinvolti nel passaggio del 1° maggio.

Chi ha un piano telefonico senza internet, potrebbe passare automaticamente alla tariffa “Tutto Voce”, che comprende chiamate illimitate verso mobili e fissi al costo di 29 euro mensili. Ma nell’informativa di Telecom Italia, a piè di pagina e in caratteri minuscoli, è indicata l’opportunità di passare anche all’offerta “Voce”, con chiamate a fissi e cellulari nazionali a 10 cent/minuto con tariffazione a scatti anticipati a 60 secondi e con sconto del 50% oltre le 3 ore al mese per 19 euro mensili. E’ un’offerta adatta soprattutto alle famiglie di anziani che non vogliono rinunciare alla sicurezza del telefono fisso, ma che telefonano molto poco tanto che, anche con il vecchio abbonamento, spendevano meno di 10 euro al mese di traffico. In questi anni ai consulenti del CRTCU sono passate sotto gli occhi centinaia di bollette di questo genere.

Chi invece ha un piano telefonico con connessione ADSL flat, passerà automaticamente alla tariffa “Tutto”, che comprende chiamate (verso mobili e fissi) ed ADSL fino a 7 Mega illimitati al costo di 44,90 euro al mese (per i clienti da più di 10 anni verrà a costare 29 euro per i primi 12 mesi, per poi passare a 39 euro). Coloro che invece hanno un piano telefonico con connessione in fibra ottica, passeranno automaticamente alla tariffa “Tutto Fibra”, che comprende chiamate e internet in fibra al costo di 44,90 euro per i primi 12 mesi (che poi diventeranno 54,90 euro).

Ma se le nuove tariffe non si adattano alle nostre esigenze, si ha tempo fino al 31 maggio per:

  • modificare la tariffa che vi verrà applicata automaticamente;
  • recedere del tutto;
  • cambiare operatore;

Il tutto senza costi di disattivazione, inviando una comunicazione scritta a Telecom Italia SpA, Casella Postale 211- 14100 ASTI o al numero di fax 800 000 187, altrimenti il nuovo profilo (che vi é stato comunicato sull’ultima bolletta) verrà automaticamente attivato.

Infine, bisogna fare attenzione alla bolletta che, a partire dal primo maggio prossimo, verrà modificata da bimestrale a mensile e dunque da luglio 2015 anche i pagamenti dovranno essere mensili. Il CRTCU consiglia, prima di decidere se mantenere o meno una tariffa o cambiare operatore, verificare quanto ci costeranno 6 pagamenti in più sul nostro conto o tramite bollettino postale.

Condividi questo articolo