Consorzio Doc Prosecco: al bando il glifosato dalla vendemmia 2018

 

Avanti verso la sostenibilità. E dunque bando all’uso di Glifosate, Mancozeb e Folpet a partire dalla campagna viticola del 2018. Lo ha deciso l’assemblea del Consorzio di tutela della Doc Prosecco, che invita ad attenersi a questo stop anche per la vendemmia in corso. “Abbiamo piantato il primo chiodo e da qui non si torna indietro, ma la vetta è ambiziosa,  il percorso verso la sostenibilità totale è lungo, dobbiamo pianificare bene le mosse successive”, ha detto il presidente Stefano Zanette. L’Assemblea dei Soci ha infatti deciso di votare a favore dell’eliminazione di Glifosate, Mancozeb e Folpet  a partire dalla campagna viticola 2018 con un “provvedimento senza precedenti”, annuncia il Consorzio, che diventerà obbligatorio per tutti i produttori che vogliano vedersi garantita la possibilità di produrre Prosecco Doc. La produzione è poi invitata ad eliminare l’uso di queste sostanze già da quest’anno.

L’obiettivo del Consorzio è di muovere verso la sostenibilità delle pratiche agricole come quella economica e sociale. “L’anno che abbiamo davanti – spiega Zanette – è il tempo necessario a consentirci di adottare, con ampio coinvolgimento della filiera, le soluzioni più idonee al raggiungimento di un obiettivo ancor più ambizioso: una certificazione di sostenibilità per l’intera Denominazione. Come ho avuto modo di spiegare ai nostri soci, questa è una scelta che potremmo definire di ‘responsabilità sociale’, che non ha nulla a che vedere con le valutazioni scientifiche, di competenza d’altri enti. La scienza c’è invece stata di conforto nell’assicurare che, anche senza queste sostanze, è possibile fare una viticoltura di qualità”.

Condividi questo articolo