Minori, arriva l’orsetto Ector the Protector che tossisce in caso di fumo passivo

Il bimbo è ancora in fasce, oppure se ne sta beato nel suo passeggino, quando qualcuno passa vicino e lo inonda di fumo di sigaretta. Oppure sta giocando in casa e i genitori fumatori si accendono una sigaretta proprio davanti a lui, senza neanche pensarci troppo. Ed ecco che l’amico Ector comincia a tossire e avverte i “grandi” che la minaccia del fumo è troppo vicina al bambino. Ector è un orsetto di peluche che tossisce in caso di fumo passivo. “Il primo giocattolo che protegge i bambini dal fumo”, recita il lancio del giocattolo.

Il giocattolo è stato realizzato in occasione della Giornata mondiale senza tabacco del prossimo 31 maggio ed è frutto dell’iniziativa di Roche insieme all’azienda Trudi e col patrocinio di Women against cancer in Europe (Walce) che porterà Ector nei corsi preparto curati dall’associazione, in regalo alle future mamme. “Ector the Protector Bear”, spiega Roche, è “il primo giocattolo che tossisce ogni volta che qualcuno fuma vicino a lui. Così facendo scoraggia i fumatori, avverte i genitori ed educa i bambini a tenersi lontani dalle minacce del fumo”. L’orsetto è stato lanciato anche con un video e una campagna di informazione e promozione online in cui si denuncia il fenomeno della fumo passivo. Secondo dati WHO, in Italia  il 52% dei bambini è abitualmente esposto al fumo passivo.

In Italia sono 15 milioni i fumatori passivi, pari al 26,5% della popolazione. Il fumo passivo è responsabile del 15% dei casi di asma nei bambini e dell’11% di respiro sibilante negli adolescenti (Ministero Salute). “Sappiamo che i bambini che vivono con un fumatore hanno maggiore probabilità di avere l’asma o di essere soggetti allergici – dice Giulia Pasello, Dirigente medico all’istituto oncologico veneto di Padova – In più, ogni anno in Italia ci sono circa 150-300 mila bronchiti e polmoniti sotto i 18 mesi e circa 15 mila ospedalizzazioni nei reparti pediatrici, patologie che si possono ricondurre anche all’esposizione cronica al fumo”.

Condividi questo articolo