Sciopero trasporti il 27 ottobre. Possibili cancellazioni dei treni, FS: “Frecce regolari”

 Sciopero dei trasporti pubblici venerdì 27 ottobre. L’agitazione potrebbe causare lo stop di treni, aerei e mezzi pubblici in tutta Italia. L’astensione dal lavoro è stata indetta dal sindacato Cub (Confederazione unitaria di base) cui si sono aggiunge poi altre sigle. Lo sciopero, si legge sul sito internet Cub, è “contro il liberalismo, le privatizzazioni, le liberalizzazioni e per cambiare il sistema che genera diseguaglianze salariali, sociali, economiche e di genere e verso i migranti”. Disagi in vista dunque per lo stop dei trasporti pubblici, con ripercussioni che potrebbero colpire in particolare il trasporto ferroviario. 

Lo stop dei treni è previsto infatti dalle ore 21 di giovedì 26 alle ore 21 di venerdì 27 ottobre. Ferrovie dello Stato annuncia che sarà garantito il collegamento fra Roma Termini e l’aeroporto internazionale di Fiumicino e che le Frecce saranno regolari. Informa FS in una nota: “Circoleranno regolarmente le Frecce di Trenitalia in occasione dello sciopero del personale del Gruppo FS Italiane proclamato da alcuni sindacati autonomi – dalle ore 21.00 di giovedì 26 alle 21.00 di venerdì 27 ottobre – in adesione a uno sciopero generale. Per gli altri treni nazionali si prevedono ripercussioni limitate. Si ricorda comunque che saranno assicurati tutti i convogli elencati nell’apposita tabella dei treni previsti in caso di sciopero, consultabile sull’Orario ufficiale di Trenitalia e sul sito web trenitalia.com”. Il programma dei treni regionali potrebbe subire modifiche: saranno garantiti i servizi essenziali assicurati per legge nei giorni feriali, nelle fasce orarie più frequentate dai viaggiatori pendolari (6.00-9.00 e 18.00-21.00).

 

Condividi questo articolo