2007: Anno europeo delle Pari Opportunità per tutti

Le direttive emanate per vietare ogni forma di discriminazione dei cittadini dell'Unione europea hanno costituito la base su cui, nel giugno 2005, la Commissione delle comunità europee ha proposto di dichiarare il 2007 “Anno europeo delle pari opportunità per tutti”.



Lo scopo di tale iniziativa è quello di attirare l'attenzione dei cittadini europei sui vantaggi delladiversità, da considerare come una preziosa risorsa, e per sensibilizzarli sul diritto di tutti a godere di un trattamento uguale e di una vita senza alcuna discriminazione determinata dall'origine etnica, dalla razza, dalla religione, dall'orientamento sessuale, dalle convinzioni personali o da handicap.

Pertanto, il prossimo 3 maggio, a Roma, il Dipartimento per i Diritti e le pari opportunità celebrerà l'evento nazionale dell'Anno europeo delle pari opportunità per tutti, con la partecipazione e gli interventi del Presidente del Consiglio, Romano Prodi; del Commissario europeo per l' occupazione, gli affari sociali e le pari opportunità, Vladimir Spidla; della Ministra per i Diritti e le pari opportunità, Barbara Pollastrini; della Vice Presidente della Camera dei deputati, Giorgia Meloni.

L'evento si svolgerà, a partire dalle ore 10, in piazza San Lorenzo in Lucina presso la sala Spazio Etoile; riprenderà nel pomeriggio con tre focus group-workshop dedicati ai temi:

Diritti umani;

Crescita, equità, lavoro;

Europa, cittadinanza e convivenza.

Sarà possibile in tal modo aprire utili discussioni con le rappresentanze della società civile ed accogliere e valorizzare stimolazioni, idee, sollecitazioni provenienti da quanti operano in tali ambiti.

I gruppi di lavoro verranno introdotti dalle relazioni di tre autorevoli studiosi del nostro paese che guideranno poi il dibattito sino alle conclusioni finali, che saranno svolte dalla Ministra Barbara Pollastrini.

Si prega di registrarsi entro il 30 aprile 2007 inviando ilformulario all'indirizzo e-mail:  annoeuropeo2007@governo.it

Fonte : Il sito del Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità

Condividi questo articolo