8 marzo contro la violenza sulle donne

La Giornata internazionale della donna di quest'anno è dedicata al tema della violenza su donne e bambine. Dati Eurostat e di varie associazioni dimostrano una grande disuguaglianza di genere in Europa e nel mondo. 8 marzo, Giornata internazionale della donna. Il tema di quest'anno è “Donne e uomini insieme per mettere fine alla violenza contro donne e bambine”. In ambito europeo la Giornata sarà l'occasione per riaffermare l'impegno politico e finanziario costante della Commissione Ue nella lotta per i diritti delle donne. Rafforzare l'autonomia femminile è una delle questioni chiave all'intero del programma globale dell'Ue.

Nel 2008 il Commissario europeo alla relazioni esterne e alla politica di vicinato Benita Ferrero-Waldner ha riunito 40 donne del mondo intero, occupanti posizioni di primo piano in ambito politico ed economico della società civile. Lo scopo dell'iniziativa è stato quello di mettere l'accento sull'applicazione della Risoluzione 1325 delle Nazioni Unite sulle donne, la pace e la sicurezza.

A seguito di quest'incontro il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-Moon, ha accettato di organizzare una conferenza ministeriale nel 2010 per stilare un bilancio dei progressi realizzati ed esaminare i mezzi per rafforzare gli effetti della Risoluuzione 1325.

Per la Giornata delle donne di quest'anno la Commissione europea, sotto il patronato della Principessa Matilde del Belgio, ha lanciato un concorso internazionale di disegno coinvolgendo i bambini. Il concorso ha come tema l'uguaglianza dei sessi ed invita i bambini dei paesi terzi ad esprimere la loro visione su questa questione. L'8 marzo circa 60mila bambini, tra gli 8 e i 10 anni, provenienti da 61 paesi del mondo intero, parteciperanno alla cerimonia di lancio del concorso a Bruxelles.

Intantol'Eurostat ha diffuso oggi alcuni dati sulle donne nell'Ue. Nel 2008 le donne europee sono state oltre 250 milioni; 104,8 donne ogni 100 uomini; un quarto di queste donne ( 68 milioni) aveva meno di 25 anni, la metà aveva tra i 25 e i 64 e circa un quinto più di 65 anni. Il 23% delle donne europee era in Italia, con un'alta percentuale delle ultrassessantacinquenni. Nel 2007 le donne hanno guadagnato in media il 17,4% in meno degli uomini; in Italia la media è stata del 4,4% in meno.

DallaCasa delle donne di Bologna arrivano altri dati, ancora più allarmanti sulle disuguaglianze di genere. Nel 2008, 490 nuove donne hanno chiesto aiuto al loro centro, 26 donne con storie di violenza ad alto rischio sono state ospitate nelle due case rifugio insieme a 13 bambine/i, ben 262 segnalazioni di violenze ai danni delle donne sono arrivate al centralino e 70 sono le donne rivoltesi al centro che hanno subito violenze sessuali.Numeri che crescono testimoniando soprattutto una accresciuta consapevolezza delle donne, che sempre più numerose riescono a denunciare le violenze a fronte dell' altissima percentuale di sommerso (dalla ricerca Istat del 2006 si rileva che solo il 4% delle violenze subite viene denunciato).

Per il quarto anno consecutivo, inoltre, la Casa delle donne pubblicherà sul proprio sito, proprio in occasione dell'8 marzo, la ricerca sulle donne uccise nell'ultimo anno, che contribuisce a fare luce sul fenomeno poco conosciuto e ancora poco analizzato del femminicidio. Anche per il 2008, la ricerca è stata condotta dalle volontarie della Casa delle donne attraverso un& apos;indagine diacronica sulla stampa: 113 sono le donne uccise in Italia nel 2008 dalla violenza maschile. L'entità del fenomeno si mantiene costante (101 i casi di femminicidio nel 2006, 107 nel 2007), così come il dato riguardante l'autore della violenza, che nella quasi totalità dei casi è commessa da uomini vicini alla donna (marito, amante, fidanzato, ex partner, parente, figlio).

“Dalla parte delle donne contro ogni violenza” è, invece, l'iniziativa congiunta del Ministero per le Pari Opportunità e del Comune di Roma in occasione dell'8 marzo, Giornata internazionale della donna. Al Teatro Brancaccio di Roma, dalle ore 10, si alterneranno sul palco ministri, politici, personalità del mondo della cultura e dello spettacolo, rappresentanti dei centri antiviolenza e delle associazioni femminili per affrontare, insieme alla società civile, le tematiche legate al rispetto e alla sicurezza delle donne.

Interverranno il Presidente della Camera dei Deputati, Gianfranco Fini, il Ministro per le Pari Opportunità, Mara Carfagna, il Ministro della Gioventù, Giorgia Meloni, il Sindaco di Roma, Gianni Alemanno, la delegata del Sindaco per le Pari Opportunità, Lavinia Mennuni, la Presidente della Commissione delle Elette del Comune di Roma, Monica Cirinnà.Al dibattito seguiranno le testimonianze di due donne vittime di violenza e i contributi di Adele Fabrizi, psicoterapeuta, Gabriella Carnieri Moscatelli, presidente di Telefono Rosa, Francesca Monaldi, vice-questore aggiunto della Squadra Mobile di Roma, Emanuela Moroli, presidente di Differenza Donna e di Donatina Persichetti, presidente della Consulta Regionale Femminile del Lazio. Parteciperanno anche Renata Polverini, Silvia Costa, Maurizio Costanzo, Eleonora Daniele, Claudio Baglioni, Nancy Brilli, Michele Placido e Catherine Spaak. Le conclusioni saranno affidate al Presidente della Camera Gianfranco Fini. All'iniziativa sono stati invitati i rappresentanti dei gruppi parlamentari di tutti gli schieramenti.

2009 – redattore: GA

Fonte: helpconsumatori.it

Condividi questo articolo