A caccia di… donne

Il genere femminile come hobby, un punto di vista ancora molto diffuso.


Mi trovavo in una copisteria a preparare qualche locandina per l'Associazione Uomini Casalinghi. Mentre uscivano dalla macchina a caratteri cubitali le parole che compongono i nostri motti, si era nel frattempo creata un po' di coda in attesa di fare fotocopie.
Tutti i presenti potevano leggere dai grandi fogli appena sfornati dalla macchina: “Il governo del mondo alle donne, il rigoverno della casa ai maschi“.
Era assai divertente cogliere dalle espressioni del viso il malcelato disappunto di alcuni e la timida approvazione di altri! Piano piano poi, come succede spesso in Toscana, dove ognuno alla fine deve dire la sua, si sentì crescere il desiderio di dar voce ad un pensiero che a tutti correva per la testa.
Il commento fra i presenti è cominciato come un lieve brusìo, inizialmente con l'intento di non rendermi partecipe, poi, quando la piccola comunità si è sentita abbastanza forte del comune punto di vista, finalmente sono arrivati a me.
- «Scusi lei, ma chi ha inventato queste storie? E' uno scherzo o fate sul serio?»
- «No, guardi che non si tratta proprio di uno scherzo» replico io «anzi, questo è ciò che vorremmo accadesse al più presto!»
A queste mie parole si leva quasi un tumulto indignato nell'incredulità generale. Il più disgustato è un ingegnere il quale prende la parola sovrastando le altre voci col chiaro intento di rimettere a posto i ruoli. «Ma mi dica una cosa: almeno qualche hobby normale ce l'ha? Che so… il calcio, la caccia, le donne?» Al che rispondo: «Caro signore, essere casalinghi non significa annientarsi e di certo ognuno può fare ciò che vuole del proprio tempo libero. Però dire che le donne sono un hobby, lo trovo sinceramente degradante e offensivo. Mi risulta che le donne siano degli esseri umani e non degli sport. Così come la caccia, per lei è uno sport? Capisco adesso perché unendo le due cose si usa dire: “A caccia di donne!”»
Nella nostra società maschile le donne e i volatili hanno lo stesso destino: per hobby o per sport: li “annientiamo!”

Fiorenzo

Condividi questo articolo