Acqua del rubinetto: una bottiglia di design per sensibilizzare

L'acqua del rubinetto fa bene, perché controllata e sicura, ed è anche buona. Per questo gli italiani scelgono sempre più spesso di bere acqua a chilometri zero: quella del rubinetto, che arriva dritta dritta a casa. In questo modo, non solo si beve acqua sana e buona, ma si contribuisce concretamente a diminuire le emissioni di CO2, date dal trasporto su gomma, e la produzione di plastica che serve per le bottiglie.

L'acqua ” specie in rapporto all'ambiente e all'inquinamento ” è un tema trattato sempre più spesso dai media sia cartacei che online, soprattutto perché le iniziative per sponsorizzare l'acqua pubblica HYPERLINK “/tag/acqua pubblica” e i suoi benefici si stanno moltiplicando in ogni parte d'Italia.

Tuttavia, gli italiani ” in Europa – sono ancora i primi consumatori di acqua minerale in bottiglia e i terzi al mondo. Un dato allarmante, soprattutto se consideriamo che solo il 18% delle bottiglie prodotte vengono trasportate con i treni: un fenomeno che produce ben 910.000 tonnellate di CO2.

D'altro canto, sta crescendo la sensibilità dell& apos;opinione pubblica verso questo tema, che si è rafforzata anche in seguito ai preoccupanti dati, resi noti dal WWF, nel suo “Living Planet Report“, uno studio che fa presente come nel 2030 i ritmi di consumo dell'acqua aumenteranno vertiginosamente, tanto da rendere indispensabile aumentare del doppio le risorse idriche attualmente disponibili.

Proprio per incoraggiare il consumo dell'acqua del rubinetto, è nato il concorso “The Message is the bottle” all'interno del Festival della Creatività 2010, che ha invita artisti e creativi a realizzare una bottiglia in vetro dedicata a raccogliere e servire l'acqua del rubinetto in tavola. In palio un iPad e l'iscrizione gratuita allo IED di Firenze.

L'iniziativa, promossa da Publiacqua, Controradio, Legambiente, IED (Istituto Europeo di Design- Firenze) e Casa della Creatività, ha raccolto 220 progetti in tutta Europa, ma i vincitori sono tutti italiani: Matteo Calosi e Francesco Bortone. La bottiglia da loro creata sarà messa in produzione e dai vetrai di Assovetro.

Verdiana Amorosi

Fonte: greenme.it

Condividi questo articolo