Agenzia Debiti finisce sotto inchiesta per associazione a delinquere

Dietro le false promesse di annullare o ridurre i debiti contratti da cittadini e imprese, c'era un grosso giro di affari illeciti: dal riciclaggio alla bancarotta fraudolenta. Quello di Agenzia Debiti, la società nata a Milano nel 2010, che prometteva sul proprio sito di “riuscire legalmente a posticipare, rateizzare, diminuire o annullare i debiti”, è un vero e proprio sistema di associazione a delinquere.

 E finisce sotto inchiesta della Procura di Milano che indagherà su questi gravi reati a carico della società e del suo amministratore di fatto, titolare di una società cui era stata appaltata la gestione del call center, che era il vero fulcro del sistema operativo di Agenzia debiti.  

L'Agenzia è stata dichiarata fallita dal Tribunale di Milano lo scorso 14 novembre, dopo che diversi soggetti hanno denunciato pubblicamente questo business criminale. L'Adusbef aveva a denunciato la cosa già 2 anni fa ottenendo come unico risultato quello dell'apertura, da parte dell'Antitrust, di un'indagine per pubblicità ingannevole.

Purtroppo questa lentezza ha fatto sì che a cadere nella trappola di Agenzia Debiti fossero in molti (visto anche il periodo di grave crisi economica, in cui è facile indebitarsi anche per pagare le utenze domestiche). La stessa Agenzia Debiti, in passato, ha dichiarato di aver ricevuto 25 mila “richieste di aiuto” al mese e di aver gestito una massa debitoria di 1,2 miliardi di euro (l'importo medio sarebbe stato quindi di 240 mila euro).

Altroconsumo invita chiunque abbia firmato cambiali per avere delle consulenze dalla società a presentare denuncia alle autorità di polizia. Le cambiali ancora in essere a favore di Agenzia Debiti, firmate per consulenze sulla propria situazione debitoria, a quanto risulta a oggi sono state poste sotto sequestro da parte della Guardia di Finanza e non verranno riscosse. Ma il consiglio a chi le ha sottoscritte è comunque quello di presentare immediata denuncia, anche perché i consumatori coinvolti (e raggirati) potranno poi costituirsi parte civile nel procedimento penale che si aprirà nei confronti dei responsabili di questa vicenda.

Il caso è ben riassunto in un'interrogazione presentata lo scorso settembre dal Senatore dell& apos;Idv Elio Lannutti  all'attenzione del Premier Mario Monti e dei Ministri dell'economia e dello Sviluppo Economico. Lannutti ha ricostruito l'attività di Agenzia Debiti, legata a doppio filo allo studio legale Baldini & Partners (specializzato in finanziamenti, prestiti e servizi finanziari) che procedeva all'assunzione di giovani in cerca di lavoro per Agenzia Debiti. Lo studio non aveva un'attività del tutto trasparente, tanto che il suo titolare è stato accusato di aver costituito un'associazione a delinquere che portava le aziende alla bancarotta fraudolenta e riciclava denaro sporco. Con questi presupposti, l'attività di Agenzia Debiti non poteva certo essere legale. Sul proprio sito la società invitava “gli ignari debitori” a rivolgersi ai suoi servizi, per ridurre il proprio debito del 70%, pagando 390 euro, solo per conoscere la propria situazione debitoria, (“quasi che il malcapitato consumatore non la conoscesse già”). Si tratta di promesse evidentemente impossibili da mantenere, che nascondono dietro cinici truffatori che, oltre ad approfittarsi della gente in momenti difficili, mettono sù un business criminale.

Condividi questo articolo