Agricoltori lanciano il primo latte Uht 100% italiano

L'annuncio è avvenuto nel corso del Forum Internazionale dell'Agricoltura e dell'Alimentazione di Cernobbio ed è la risposta alle sessanta mila stalle chiuse e alle migliaia di posti di lavoro andati in fumo. Tutto a causa della concorrenza sleale del latte spacciato come made in Italy e dal boom dei costi di produzione, rincarati del 40 per cento tra il 2011 e il 2012.L'iniziativa degli allevatori italiani vuole riportare trasparenza in un settore dove viene “spacciato” come nazionale il latte importato da Paesi comunitari ed extracomunitari perché ” sottolinea la Coldiretti ” non è ancora obbligatorio indicare in etichetta la provenienza, nonostante la legge approvata all'unanimità dal Parlamento all'inizio della legislatura. Secondo l'indagine Coldiretti/Swg quasi due italiani su tre (65 per cento) si sentono garantiti da un marchio degli agricoltori italiani che batte nettamente quello della distribuzione commerciale (15 per cento) e quello industriale (11 per cento).

Al contrario della stragrande maggioranza dell'Uht in circolazione in Italia, infatti, quello della filiera Fai arriverà solo da allevamenti nazionali selezionati e controllati e per la sua lavorazione ” sottolinea la Coldiretti ” verrà usata energia verde da fonti rinnovabili in accordo ai principi dal protocollo di Kyoto. Il contenitore, in materiale riciclabile e con un tappo a doppia sicurezza per garantire l'integrità del prodotto, porterà la scritta “Io sono italiano” e il logo tricolore Fai.

Il latte Uht firmato dagli agricoltori italiani ” conclude la Coldiretti ” si inserisce così nel circuito di qualità e garanzia tipico dei grandi formaggi Dop, che per la loro produzione assorbono circa il 60 per cento delle oltre 10 milioni e mezzo di tonnellate munte ogni anno in Italia.

]] >

Condividi questo articolo