Ampliare le tutele contro infortuni domestici

Abbassare dal 33% al 26% la soglia di inabilità fissata attualmente dalla legge per estendere il diritto alla rendita dell'assicurazione anche al caso morte. Questa la proposta di modifica della legge n.493/99 sull'assicurazione obbligatoria (l'Italia è l'unico Paese dell'Unione europea ad aver varato una legge) contro gli infortuni domestici, deliberata dal comitato amministratore dello speciale Fondo istituito presso l'Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (Inail).

“La legge – ha spiegato Federica Rossi Gasparrini, presidente di Donneuropee Federcasalinghe – dall'inizio del prossimo anno entrerà a pieno regime con l'applicazione delle sanzioni per il mancato pagamento del premio. Per questo l'Associazione, tenendo anche conto delle condizioni economiche e finanziarie, ha sollecitato il Comitato ad assumere una delibera idonea a soddisfare le richieste di ampliamento della tutela finora riconosciuta ad un numero limitatissimo di casalinghe. E a conferma della consistenza del fenomeno infortunistico l'Inail ricorda che dal 2000 fino ad oggi ha ricevuto circa 3.700 richieste di indennizzo.

In particolare, secondo i dati diffusi dal Censis, ogni anno in Italia si verificano oltre 4 milioni di infortuni domestici, contro 1 milione di incidenti sul lavoro e 230.000 incidenti stradali. Ma sono gli infortuni in casa che mostrano i dati più preoccupanti con la loro tendenza all'aumento: dal 1998 al 2000 sono cresciuti del 5,6%, circa 150 mila casi in più all'anno.

Così a fronte di questa situazione ” ha sottolineato la Gasparrini ” si richiede l'apertura dei tavoli di confronto con l'intento di creare la 'casa intelligente, cioè dotata delle moderne tecnologie che la renderanno più sicura. Va, infatti, rilevato che in moltissime abitazioni mancano congegni fra i più elementari, come il segnalatore della presenza di gas. Uno strumento che acquistabili con soli 20 euro potrebbe prevenire tantissimi incidenti, anche disastrosi.

Inoltre la Federcasalinghe chiede di armonizzare le leggi europee sulla sicurezza in casa per evitare che ogni anno si verifichino migliaia di morti per infortuni domestici. Per questo l'Associazione propone la creazione di una Agenzia europea per la sicurezza domestica che sviluppi e finanzi la ricerca di nuove tecnologie al servizio della casa e delle famiglie

Fonte: Mia Economia

Condividi questo articolo