Anpana lancia l’allarme: attenzione ai forasacchi pericolosi per i cani

 Con l’arrivo dell’estate Anpana (Associazione Nazionale Protezione Animali Natura Ambiente) – tramite la propria Sezione Territoriale di Lucca – desidera ricordare a tutti i possessori di cani, il periodo della graminacea a spiga, denominata “forasacco” che, seccando e divenendo gialla, può entrare in contatto con il pelo del cane divenendo, in certi casi, un serio problema per la salute del nostro amico peloso.

I semi di questa spiga, infatti, hanno una conformazione tale da conficcarsi e penetrare sotto la cute del cane con anche gravi conseguenze. Le parti più a rischio sono le orecchie, il naso, gli spazi interdigitali ma bisogna prestare attenzione anche ad altre parti del corpo (zona anale e occhi).

Ma come possiamo capire che il nostro cane potrebbe aver raccolto un “forasacco”? Non è difficile perché i sintomi sono evidenti. Se il cane, ad esempio, inizia a starnutire ripetutamente, tentando di espellere qualcosa, il forassacco potrebbe trovarsi all’interno del naso; se scrolla la testa e si gratta l’orecchio con insistenza, il forasacco potrebbe essersi introdotto proprio nel condotto uditivo; se il cane si lecca e mordicchia le dita e il polpastrello con continuazione, il forasacco potrebbe essersi conficcato negli spazi interdigitali. In tutti questi casi, comunque, è sempre consigliabile non aspettare e recarsi presso il proprio veterinario di fiducia che provvederà, se confermata la presenza della graminacea, alla sua estrazione.

«Non bisogna comunque mai sottovalutare – ricorda Gloria Frizzi di Anpana Lucca – i danni e le conseguenze di questa spiga per i nostri amici quattrozampe: in alcuni casi, infatti, possono raggiungere persino i polmoni con veramente seri problemi per l’animale non rimediabili con una semplice visita ma con un intervento chirurgico. Quando, quindi, portate a passeggio il vostro cane in campagna ma anche nei parchi cittadini e vedete che si avvicina a queste spighe, controllate subito, con attenzione, che non ci siano resti di forasacco sul corpo del cane (specialmente nei punti sopra indicati) e, se ce ne fossero, toglieteli subito nel possibile o, se rilevate i sintomi sopra descritti, portate il cane dal veterinario per una visita. L’estate è sicuramente una bella stagione per noi e per il nostro compagno peloso e basta solo un pò di attenzione affinché, una semplice passeggiata, non porti conseguenze per la salute del nostro cane».

Fonte: www.loschermo.it

 

 

Condividi questo articolo