Arrivano i casalinghi, e si divertono pure

Basta con la disparità fra i sessi: scope e piumini per spolverare, secchi e assi da stiro non devono più essere esclusivo appannaggio delle donne. Con questo spirito Fiorenzo Bresciani, toscano di Pietrasanta in Versilia, ha fondato vent'anni fa quasi per scherzo l'Associazione uomini casalinghi, che ora conta 5.300 iscritti. «Oggi sono sempre più numerosi gli uomini costretti a cavarsela da soli nella cura della casa – spiega Bresciani -, dato il crescente fenomeno dei single per scelta o in seguito a fallimenti matrimoniali.

 Non tutti possono permettersi una colf, né questa può in poche ore settimanali sopperire a tutte le necessità». Dunque, è l'ora di rimboccarsi le maniche e imparare a pulire, lavare, stirare. Scoprendo che le faccende domestiche possono essere un vero piacere e contribuire all'autostima. «I nostri iscritti non sono soltanto single imbranati e padri separati che quando ospitano i loro figli vanno in tilt; per il 55 per cento sono mariti desiderosi di scoprire una nuova dimensione della vita. Ci incontriamo in un visitatissimo sito Internet, in raduni, in master sulla cucina, sull'arte di stirare o sui misteri della lavatrice, che per gli uomini resta un oggetto ostico, con i suoi programmi e detersivi». La zona di maggiore reclutamento è il Centro-Sud, dove l'istituzione familiare è più sentita «e molti uomini, specie intorno ai 30-35 anni, si rendono conto che oggi perché la famiglia “tenga” è necessaria una collaborazione fra marito e moglie anche in questo campo». Tra i progetti dell'associazione, «un musical, già andato in scena a Livorno, che vorremmo portare in tournée in Italia. Intanto, ogni giovedì alle 9.35 abbiamo uno spazio in “Mattino 5″ di Canale 5. Inoltre abbiamo varato la “Domestic fitness” o ginnastica domestica, per rendere uomini e donne consapevoli che fare imestieri fa consumare calorie: un uomo di 75 chili perde in media 146 kcal all'ora».

Maria Pia Forte

03 Febbraio 2009

Giornale di Brescia

Condividi questo articolo