Assicurazioni a km: come funzionano e quando convengono?

Con le assicurazioni a km paghi solo in base ai chilometri che percorri e risparmi sulla polizza auto. Attenzione però: non sempre è la scelta più conveniente!

Le assicurazioni a km sono delle polizze auto particolari, che ti permettono di pagare un premio annuale calcolato in base alla distanza percorsa. Se usi poco l’auto questa soluzione potrebbe permetterti di risparmiare parecchio sul costo della polizza rca. Così come per le assicurazioni tradizionali, anche in questo caso è però necessario non farsi prendere dall’entusiasmo e stipulare la prima polizza che ti capita a tiro solo perché è più vantaggiosa di quella che avevi prima. Per massimizzare il risparmio occorre avere tanta pazienza e confrontare le varie assicurazioni auto con SuperMoney e gli altri comparatori online, per capire quale sia la compagnia che offre la polizza auto a km al miglior prezzo.

Assicurazioni auto a km: come funzionano?

Al momento di stipulare un’assicurazione auto a km ti verrà chiesto di indicare una fascia chilometrica di riferimento, ovvero una stima di quanti chilometri percorri in un anno. In base alla fascia che selezionerai pagherai un premio assicurativo più o meno alto.

Ma come fa la compagnia ad assicurarsi che il numero di chilometri percorsi è effettivamente quello che dichiari? Semplice, con la scatola nera. Si tratta di un dispositivo dotato di localizzatore Gps che, una volta installato sulla vettura. Permette di monitorare il numero di km percorsi dal mezzo, ma anche la posizione del veicolo e le esatte di dinamiche di un eventuale incidente. La maggior parte delle compagnie non concede la scatola nera in comodato d’uso e non richiede alcun costo aggiuntivo per la sua installazione.  

A chi conviene l’assicurazione auto a km?

In linea generale possiamo dire che le assicurazioni a km sono sempre convenienti rispetto alle polizze auto tradizionali se percorri meno di 5.000 km l’auto. Tra i 5.000 e i 10.000 km occorre invece fare una valutazione accurata caso per caso, mentre oltre i 10.000 la convenienza delle polizze a km si azzera, anzi, risultano addirittura più care di quelle tradizionali.

Quanto conviene l’assicurazione a km?

Se percorri meno di 5.000 km l’anno una polizza a km potrebbe farti risparmiare in media anche il 50% rispetto ad un’assicurazione auto tradizionale. Diverse compagnie, inoltre, ti permettono di rateizzare il pagamento per far sì che non incida troppo pesantemente sul bilancio familiare.

Attenzione però al rovescio della medaglia. Se superi il numero di km stabiliti in fase di stipula della polizza la compagnia ti chiederà un sovrapprezzo sul premio annuale, che spesso è decisamente salato. Non solo: alcune compagnie prevedono costi extra anche se stai nettamente al di sotto della fascia chilometrica concordata.

Prima di optare per un’assicurazione auto a km devi quindi valutare attentamente se fa al caso tuo. Se ti risulta molto difficile prevedere in anticipo il numero di chilometri che percorrerai in un anno probabilmente non è la soluzione più adatta a te. 

Condividi questo articolo