Auto: a giugno 2018 accorpamento di libretto di circolazione e certificato di proprietà

Ancora una fumata nera per la più volte annunciata unificazione dei due registri automobilistici: il Pubblico registro automobilistico (Pra) gestito dall’Aci e l’Archivio nazionale dei veicoli (Anv) della Motorizzazione.

La frenata sul documento unico di circolazione fa slittare a giugno 2018 la sua definitiva introduzione che dovrebbe far risparmiare 39 euro per ogni pratica di immatricolazione o passaggio di proprietà. Un risparmio consentito dal dimezzamento del numero delle marche da bollo (che sarebbero passate da quattro a due), nonché dalla riduzione della tariffa da versare allo sportello. Proprio questo è il passaggio del decreto che è saltato. Il possibile taglio dei costi è stato rinviato a un decreto successivo.

La modifica si deve al Ministero dell’Economia, con la motivazione che il taglio delle marche da bollo avrebbe provocato un minor gettito per le casse dello Stato intorno ai 100 milioni di euro l’anno.

Condividi questo articolo