Avvocati per niente

Difendere gli indifesi. è il comandamento degli Avvocati per niente, una squadra di 40 giovani legali milanesi che si prendono cura di quanti non si possono permettere un difensore: persone senza fissa dimora, italiani e stranieri vittime dell'esclusione e della marginalità.

 Â«Ci siamo conosciuti nel 2002 alla Caritas ambrosiana» ricorda Luca Bettinelli, che collabora con l'associazione fin dai primi tempi. «Eravamo un gruppo di avvocati e studenti di giurisprudenza che dava una mano alle persone immigrate nel periodo della regolarizzazione degli stranieri». Due anni dopo, la passione e t'impegno di quel primo gruppo di persone sono stati raccolti dai cinque enti fondatori {Caritas ambrosiana, fondazione Casa della carità, associazione Cena dell'amicizia, fondazione San Carlo e Adì milanesi)che hanno ideato gli Avvocati per niente.

Oggi l'associazione conta 36 soci effettivi e 40 aspiranti: in poco più di sei mesi di vita gli Avvocati per niente hanno assistito 25 persone, 14 italiani e 11 stranieri. Finora sono stati seguiti 5 processi civili, uno penale, un processo per minori e ben 18 vertenze amministrative. Ma l'impegno di questi avvocati volontari non si ferma alle arringhe nel foro: «Facciamo consulenza telefonica e via email, rispondiamo alle lettere dei detenuti che ci chiedono assistenza, organizziamo seminari, convegni e attività di formazione».

Associazione avvocati per niente, via Brambilla 8/10

e via Laghetto 2, Milano – tel 335 8129716

info@awocatipemiente.it - www.awocatipemiente.org

Condividi questo articolo