Badanti, accordo su bozza per "condono"

Sembra raggiunto un accordo tra i ministri Sacconi e Maroni circa la possibilità di un “condono” per le badanti irregolari, come auspicato nei giorni scorsi dal ministro Giovanardi. La bozza prevede che il datore di lavoro, nei soli casi di impiego per i servizi alla persona e alla famiglia, può dichiarare allo Stato – e otterrà una sorta di condono contributivo, previdenziale e fiscale – l'attività svolta dallo straniero, ma anche dall'italiano.

 Adoc plaude l'iniziativa e si dichiara pronta a collaborare col Governo per campagne informative dirette alle famiglie. “Il lavoro delle badanti – sostiene Carlo PIleri, presidente dell'Associazione – è una risorsa importante non solo per l'assistenza che danno a malati, anziani e bambini ma anche per lo Stato che, grazie al loro impegno, riesce a risparmiare annualmente circa 45 miliardi di euro. Soldi che graverebbero sul bilancio del servizio sanitario qualora tutte le persone assistite dovessero ricorrere esclusivamente alle strutture ospedaliere. Se venisse sanata la posizione delle badanti irregolari attualmente operative, inoltre, lo Stato potrebbe incassare oltre 800 milioni di euro dal pagamento di tasse e contributi”.

2009 – redattore: VC

Fonte. helpconsumatori.it

Condividi questo articolo