Bambini a bordo: non lesinare sulla loro sicurezza!

In tutti i paesi d'Europa, è obbligatorio per legge allacciare i bambini in auto con dispositivi di sicurezza omologati. Occorre però fare la scelta giusta e i gesti appropriati, perché in materia di dispositivi di ritenuta , l'offerta è vasta…

© F. Tachon / ViaMichelin

 

Di C. Morel

Una constatazione inappellabile

Purtroppo si vedono ancora troppo spesso bambini non allacciati a bordo dei veicoli. Anche su un tragitto breve, è assolutamente necessario allacciarli. Un bambino seduto semplicemente sulle ginocchia di un adulto, anche se tenuto in braccio, è veramente in pericolo. In caso di collisione a 50 km/h, un bambino di 30 kg si trasforma in un proiettile di una tonnellata che viene lanciato fuori dall'auto o può schiantarsi contro il parabrezza…
Comunque, allacciare il bambino al seggiolino non basta, bisogna farlo con un sistema di ritenuta adatto alla sua età e alla sua morfologia. Una cinghia mal fissata, una cintura mal posizionata, un seggiolino inadeguato possono rivelarsi fatali…

Una questione di educazione

L'apprentimento della sicurezza deve cominciare molto presto. Spiega al tuo bambino che allacciare la cintura in auto è obbligatorio e non negoziabile. Dagli il buon esempio indossando sempre la cintura e non ammettere mai di fargli trasgredire questa regola! Questo gesto, con il tempo, dovrà diventare un riflesso anche per lui.

Saper decifrare le etichette

è difficile raccapezzarsi tra le diverse categorie e i vari sistemi proposti sul mercato dei seggiolini per bambini.
La lettera E significa che un prodotto è stato omologato. è seguita da un numero corrispondente al paese d'Europa che ha rilasciato l'omologazione (E1 per la Germania, E2 per la Francia, E3 per l'Italia, E9 per la Spagna).
Il termine “universale” significa che il dispositivo può essere utilizzato in tutte le vetture.
Vista la disparità delle taglie tra bambini della stessa età, per trovare il dispositivo più adatto al tuo bambino, ti riferirai al peso. Ad ogni fascia di peso corrisponde una categoria di seggiolini chiamata gruppo.
Ci sono 4 gruppi corrispondenti ad una classificazione di omologazione europea.

I gruppi 0 e 0+: per i neonati al di sotto di 10 kg e fino a 13 kg.
Questo gruppo corrisponde ai seggiolini ovetti per il trasporto “contromarcia” sul sedile posteriore o anteriore (attenzione, in presenza di airbag passeggero, il seggiolino dovrà essere collocato nel senso di marcia e sul sedile posteriore). La posizione migliore è quella posteriore contromarcia perché consente, in caso di collisione frontale, di diminuire le forze dell'impatto sul collo e le vertebre cervicali del neonato.
La navicella, fissata sul sedile posteriore, consente di trasportare il neonato in posizione sdraiata. La sicurezza del bambino è garantita da una reticella o da una fascetta che va chiusa con cura. Si potranno effettuare così anche lunghi viaggi.

Il gruppo 1: per i bambini dai 9 ai 18 kg di peso (fino a 3-4 anni).
Comprende i seggiolini che si fissano sul sedile posteriore nel senso della marcia. Il seggiolino avvolgente protegge il bambino grazie ad un “aggancio a 5 vie” costituito da cintura per la vita, infragambe e bretelle. Per la massima sicurezza del tuo bambino, scegli un sedile con scocca rigida o con doppia scocca.
Un altro tipo di seggiolino con scudo o tavoletta di protezione posizionata sul pancino del bambino consente di fissare il sedile con l'ausilio della cintura a “2 punti”.
Per un comfort ottimale (pensa ai lunghi tragitti), scegli un sedile con schienale reclinabile per consentire comodi sonnellini a bordo.

I gruppi 2 e 3: per i bambini dai 15 ai 25 kg e dai 22 ai 36 kg di peso.
Sono dei “rialzi” che servono a posizionare il bambino all'altezza giusta in modo che la cintura di sicurezza a “3 punti” poggi sopra la clavicola e non sul collo.
Ne esistono di due tipi: il rialzo con schienale per un buon mantenimento della schiena è adatto ai bambini fino a 7 anni. Lo schienale può essere amovibile in modo da utilizzare il rialzo fino ai 10-11 anni. Il rialzo con braccioli, se il bambino è abbastanza grande, in modo che la cintura si posizioni bene sopra la spalla.
Alcuni seggiolini definiti “combinati” coprono diversi gruppi e durano quindi più a lungo. Si trovano così dei seggiolini del gruppo “1-2-3″ che seguono il bambino con peso da 9 fino a 36 kg. Il gruppo “2-3″ è adatto per i bambini con peso da 15 a 36 kg.
Dopo i 10 anni, se sono abbastanza grandi, i bambini possono utilizzare le cinture di sicurezza per adulti.


La norma ISOFIX

La denominazione ISOFIX è la norma più conosciuta in materia di sicurezza e di sistemi di ritenuta. Designa il sistema di montaggio universalmente compatibile dei seggiolini auto per bambini e sta diventando l'equipaggiamento standard delle nuove auto. Scopo della norma è facilitare la corretta installazione e dinsinstallazione del seggiolino per evitare gli errori di montaggio e ridurre così i rischi di danni fisici in caso di collisione.

L'acquisto del seggiolino: non lasciare niente al caso!

Se non sei sicuro del modello, affidati ai venditori specializzati, i negozi di puericultura o i costruttori automobilistici. Essi sapranno consigliarti.
Per non avere cattive sorprese, è meglio fare una prova di fissaggio del seggiolino nella tua auto, soprattutto se hai l'intenzione di utilizzarlo sempre sullo stesso veicolo. Potrai verificare così la facilità ad installarlo e disinstallarlo. Nello stesso modo, non esitare a installare il bambino nel seggiolino. Potrai verificare così il sistema di fissaggio e l'adeguatezza del sedile.
Alcuni optional possono rivelarsi molto utili: la seduta ultra-imbottita, il cuscino poggiatesta adattabile, la regolazione centralizzata delle cinghie, la larghezza del sedile modulabile…
Infine, fai attenzione ai seggiolini di seconda mano. Verifica se il sistema è ancora in vigore. Dopo qualche anno, le cinghie e le fibbie possono essere consumate, nel qual caso non garantiscono più totalmente la sicurezza.

Bambini a bordo: alcuni consigli prima di partire

In questo periodo di vacanze, forse effettuerai un tragitto più lungo del solito. Per un viaggio sereno e in tutta sicurezza, ecco alcune raccomandazioni:

Scegli l'ora di partenza in funzione del ritmo del bambino, della durata del tragitto e delle condizioni meteo. Scegliere di partire la sera, all'alba o all'ora del sonnellino può essere una buona soluzione!

Verifica le condizioni degli attacchi e delle cinghie del seggiolino auto e bada che il bambino resti allacciato. Lascia al massimo un dito tra la cintura e il suo corpo.

Attiva la chiusura di sicurezza delle portiere vicine ai bambini in modo da evitare l'apertura inopinata di queste.

Prevedi qualche giocattolo non pericoloso (leggero) che possa distrarli.

La merendina è un buon mezzo per farli stare calmi… Metti sempre a loro portata di mano dell'acqua, soprattutto quando fa molto caldo.

Proteggili dal sole, in particolare con delle tendine parasole sui finestrini.

Fai varie pause, circa ogni due ore, saranno salutari per i piccoli e per i grandi!

Fonte: www.viamichelin.com

Condividi questo articolo