Biglietti aerei online, Altroconsumo denuncia all'Antitrust Ryanair e Vueling

Altroconsumo denuncia Ryanair e Vueling all'Antitrust perché continuano a far pagare un sovrapprezzo a chi salda l'acquisto online di biglietti aerei con carta di credito.

è una pratica che era stata già sanzionata dall'Antitrust nel giugno scorso, quando l'Autorità aveva stabilito fra l'altro che entro il 1° dicembre il costo del pagamento con carta di credito di un biglietto aereo doveva essere incorporato nel prezzo del ticket fin dal primo contatto. Prezzi più trasparenti, dunque. Ma non tutte le compagnie si sono adeguate, denuncia Altroconsumo, che punta il dito contro Ryanair e Vueling.

L'associazione ha voluto verificare se l'impegno preso da sette delle maggiori compagnie aeree di adeguarsi alla legge, entro il 30 novembre 2012 e altre entro il 1 dicembre 2012, sia stato rispettato. Ha così effettuato un monitoraggio su sette compagnie aeree, dal quale è emerso che cinque sono in regola con le richieste dell'Antitrust: Air Italy, Alitalia, Blue Panorama, Easyjet e Wizzair. Invece, denuncia Altroconsumo, “Ryanair e Vueling continuano ad applicare un sovrapprezzo, realizzando così una pratica commerciale scorretta in barba al decreto legislativo 11/2010 che ha recepito in Italia la Direttiva europea sui servizi di pagamento”.

L'associazione le ha dunque segnalate oggi all'Antitrust. “La normativa parla chiaro: i consumatori non possono essere penalizzati, pagando un prezzo più caro perché adottano un sistema di pagamento particolare ” spiega Altroconsumo ” L'offerta del prezzo finale al consumatore deve essere uguale per tutti; è possibile l'opposto: prevedere uno sconto rispetto al prezzo pubblicizzato quando il consumatore utilizzi una certa carta di pagamento”.

Dal monitoraggio, in particolare, è emerso che AirItaly, Blue Panorama, Wizzair e Alitalia si sono adeguate alle richieste dell'Antitrust: fin dall'inizio della procedura di acquisto, il prezzo pubblicizzato è quello completo. Anche per Easyjet il prezzo pubblicizzato è quello completo: la compagnia, però, riconosce (e lo può fare, secondo la legge) uno sconto del 2,5% a chi paga con carta di debito (Visa o Maestro).

Diversa invece la situazione per le altre due compagnie. La low cost Ryanair, spiega Altroconsumo, non rispetta le regole e impone una commissione pari al 2% del totale da pagare a chi paga i biglietti con carta di credito. In particolare, “viene applicata per carte Visa, Mastercard, Ryanair Visa e Mastercard. Questa non è richiesta per i pagamenti con Mastercard Prepagata, Ryanair Cash Passport, Visa Electron, Visa Connect e Visa Debit”.

Vueling fa pagare spese aggiuntive diverse a seconda del tipo di carta utilizzata per il pagamento. Così i possessori di American Express e Diners Club dovranno pagare 13 euro, 11 euro per carte di credito Mastercard e Visa, pagano 7,50 euro le carte di debito Mastercard e Visa Electron. Gli unici a non pagare nessuna commissione sono i possessori della carta Vueling Visa: peccato, spiega Altroconsumo, che non sia distribuita in Italia.

Condividi questo articolo