Calendario scolastico per il 2007-2008

Per gli studenti della Lombardia, del Molise, del Piemonte, del Veneto, della Valle d'Aosta e della Provincia di Bolzano, sarà il 10 settembre 2007 il primo giorno di scuola dell'anno scolastico 2007-2008.

Secondo i calendari scolastici regionali  (file in formato .pdf) saranno infatti proprio i ragazzi di queste Regioni i primi a cominciare il prossimo anno scolastico.

è di competenza di ciascuna Regione, stabilire per tutte le scuole del proprio territorio, inizio e termine delle lezioni, delle vacanze natalizie e pasquali, e altri momenti di sospensione delle attività didattiche. Le singole istituzioni scolastiche possono deliberare adattamenti minimi del calendario scolastico regionale.

Spetta invece al Ministro della Pubblica Istruzione fissare annualmente i giorni di festività nazionale, civili e religiose, e le date di svolgimento degli esami di Stato.

L'11 settembre sarà il turno degli studenti dell& apos;Umbria, il 12 di quelli del Friuli Venezia Giuliae della Provincia di Trento, mentre il 13 riapriranno i battenti le scuole della Basilicata, del Lazio, e della Toscana. A seguire tutte le altre Regioni.

Diversificate anche le chiusure degli istituti.

Si va infatti dal 6 giugno 2008 del Molise al 14 giugno 2008 dell'Abruzzo e della Provincia autonoma di Bolzano. Nella maggior parte delle Regioni comunque le scuole chiuderanno il 7 giugno 2008.

Il calendario scolastico nazionale,ordinanza del 4 luglio 2007 del Ministro della Pubblica Istruzione, fissa invece la data, 18 giugno 2008, dell'inizio degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore e il seguente calendario delle festività a rilevanza nazionale:

tutte le domeniche;

il 1° novembre, festa di tutti i Santi;

l'8 dicembre, Immacolata Concezione;

il 25 dicembre Natale;

il 26 dicembre;

il 1° gennaio, Capodanno;

il 6 gennaio Epifania;

il giorno di lunedì dopo Pasqua;

il 25 aprile, anniversario della Liberazione;

il 1° maggio, festa del Lavoro;

il 2 giugno, festa nazionale della Repubblica;

la festa del Santo Patrono.

Ai fini della prestazione di almeno 200 giorni di lezione, l'organizzazione delle attività didattiche su cinque giorni (esempio, tempo pieno) equivale a quella ordinaria su sei giorni a settimana. Gli adulti che intendono conseguire la licenza di scuola media, la licenza di maestro d'arte o la qualifica professionale possono sostenere l'esame anche in corso d'anno scolastico.

Fonte: www.governo.it

Condividi questo articolo