Carovita: anziani alla fame, in due anni 5,6 miliardi di spese in più. Monorchio: i rincari fanno sparire oltre un mese e mezzo di pensione

Un'indagine del Dipartimento Economico dell'Osservatorio della terza età diretto dall'ex Ragioniere dello Stato Andrea Monorchio mette in risalto che i maggiori oneri riguarderanno la casa, la sanità e l'energia.


Energia, casa, medicine e servizi sanitari: l'aumento di prezzi e tariffe tra 2005 e 2006 mette a dura prova la tenuta economica delle famiglie anziane. Il 12,3% del reddito mensile medio (l'8,7% nell'anno in corso) verrà “bruciato” dal carovita, proprio nei settori di spesa legati alle esigenze vitali: curarsi, riscaldarsi, procurarsi e gestire un tetto in testa. A sollevare l'attenzione su quella che si prospetta come una vera e propria ecatombe sociale è il Dipartimento economico dell'Osservatorio della terza età, diretto dall'ex ragioniere dello Stato Prof. Andrea Monorchio, che mette in risalto i numeri del disagio. I 10.964.000 pensionati, che ricevono un assegno mensile medio netto di 837 euro (10.891 euro all'anno) nel 2005 avranno sborsato circa 980 euro in più, a cui si aggiungeranno i 360 euro previsti per l'anno prossimo, secondo i dati tendenziali. Alla fine del periodo in esame, il caro vita avrà bruciato oltre un mese e mezzo di reddito, ovvero circa 1.341 euro, costringendo i nonni a tirare ancora di più la cinghia

Una impresa, questa, certamente non facile visto che la gran parte dell'assegno pensionistico e' già destinato ad un paniere di tre sole voci: affitto-energia, cibo e cure mediche, cioè le esigenze primarie e vitali per la terza età e non certo per svaghi e viaggi, che restano un miraggio per la maggior parte della categoria. L'Ote ha calcolato che gli aumenti hanno “prelevato” e “preleveranno” dalle famiglie anziane, che in Italia sono circa 4,2 mln, qualcosa come 5,6 miliardi di euro in più, pur tenendo conto che l'indicizzazione delle pensioni assicura parzialmente e con molto ritardo il recupero della perdita del potere d'acquisto. Il tutto senza che nessuno abbia previsto misure sociali specifiche. Infatti anche nella

Legge Finanziaria in corso, si parla di sostegni alle giovani coppie, mentre vengono sistematicamente ignorate quelle formate da uno o più anziani. Per questo, in quanto segretario dell'Osservatorio della terza età, sono fortemente preoccupato dalla prospettiva che si vengano a creare altri milioni di poveri.
Bisogna partire dalla considerazione che gli anziani non hanno più spese da tagliare, mentre i redditi non reggono più il passo degli aumenti. Lo Stato ha l'obbligo di varare politiche ad hoc, come del resto accade in altri Paesi dell'Ue, erogando per gli anziani disagiati servizi a prezzi sociali.
Il rischio è quello di lasciare un'intera categoria sociale, la più debole, nelle braccia dell'indigenza.

< P>di Roberto Messina

Tabelle

Tot. Pensionati

Pensione media mensile

Pensione media

Annua

Tot. Rincari 2005-2006

Perdita in % del reddito da pensione in due anni

10.964.000

837 euro

10.891 euro

1341 euro

12,37%

Spesa media delle famiglie composte da una o più persone anziane

Capitoli di spesa

Anno 2005

Anno 2006

Variazioni 2006-2005

Assolute

%

Alimentari e bevande

3.780

3.870

90

2,38

Abbigliamento e calzature

640

650

10

1,56

Abitazione e energia

2.620

2.730

110

4,20

Mobili, elettrodomestici e servizi per la casa

1.040

1.070

30

2,88

Medicinali e servizi sanitari

900

950

50

5,56

Trasporti e comunicazioni

1.410

1.440

30

2,13

Tempo libero e istruzione

600

10

1,69

Altri beni e servizi

1.350

1.380

30

2,22

Totale

12.330

12.690

360

2,92

FONTE: Stima OTE su dati ISTAT

Spesa totale delle famiglie composte da una o più persone anziane per capitoli

& lt;/TR>< TD vAlign=center width="11%" height=13>

2,13

Capitoli di spesa

Anno 2005

Anno 2006

Variazioni 2006-2005

Assolute

%

Milioni di euro

Alimentari e bevande

15.827

16.204

377

2,38

Abbigliamento e calzature

2.680

2.722

42

1,56

Abitazione e energia

10.970

11.431

461

4,20

Mobili, elettrodomestici e servizi per la casa

4.354

4.480

126

2,88

Medicinali e servizi sanitari

3.768

3.978

209

5,56

Trasporti e comunicazioni

5.904

6.029

126

Tempo libero e istruzione

2.470

2.512

42

1,69

Altri beni e servizi

5.652

5.778

126

2,22

Totale

51.626

53.133

1.507

2,92

FONTE: Stima OTE su dati ISTAT

< B>

Totale famiglie anziane

4.187 mila

Rincari previsti nel 2006 rispetto al 2005 per famiglia

360 euro

Rincari registrati nel 2005 rispetto al 2004 per famiglia

981 euro

Totale per famiglia

1. 341 euro

Totale generale

5,6 miliardi di euro

Fonte: tuoquotidiano

Condividi questo articolo