Carovita e ortofrutta. I Farmers market diventano business e non è detto che si risparmi

Una volta c'era l'agriturismo, quello vero, che ti faceva dormire e mangiar bene a poco prezzo, gustando i prodotti della casa e svolgendo attività a contatto con la natura. Poi, è arrivato il business a trasformarlo in una moda, a corromperlo e farlo diventare un albergo di lusso a 4 stelle. Nonostante esistano delle leggi ben precise che regolamentano il settore, infatti, in molti casi si fanno chiamare agriturismi anche quelle strutture che, anziché essere animate dai valori di genuinità e sobrietà, offrono ogni genere di confort, piatti ricercati, piscine e idromassaggi.



Che cosa c'entra l'agriturismo con il Farmers market ?

C'entra eccome. I Farmers market, ossia i mercati in cui i contadini vendono direttamente i prodotti delle loro aziende agricole, esistono già da tempo, anche se non esisteva ancora una regolamentazione, ma è solo in questi ultimi mesi che se ne sta parlando tanto. Insomma, sono diventati una moda. E dove arriva la moda, di solito arriva anche il business a guastare la festa.

Ma, allora, conviene comprare nei mercati del contadino?

Sì, secondo la Cia-Confagricoltura per cui comprare dal produttore fa risparmiare il 30%, e per laColdiretti , per cui grazie alla filiera corta si arriva addirittura fino al 60%: eliminando, infatti, gli intermediari e i relativi costi, i prezzi dei prodotti restano più bassi.

Dipende, almeno secondoun'inchiesta recente del “Corriere Ortofrutticolo , mensile dedicato all'economia del settore ortofrutticolo italiano, che ha confrontato quest'estate i prezzi di alcuni prodotti stagionali (pesche, meloni, zucchine, pomodori, fagiolini, patate, ecc.) al Farmers market, in un negozio al dettaglio e in un supermercato della stessa zona. Per esempio, l'inchiesta ha scoperto che a Lecco le pesche costano più al Farmers market (2,20 euro/kg) che in negozio (2 euro/Kg) o al supermercato (2,19 euro/kg); a Carpi le zucchine (1,50 euro/kg) hanno lo stesso prezzo nel Farmers e nel supermercato, mentre i fagiolini costano molto di più (3 euro/kg anziché 2,49 euro/kg). All'Ortosole, il Farmer market di Roma, si risparmia più che in altre parti d'Italia: dal 30 al 50% rispetto a negozi tradizionali e supermercati.

Quindi, a volte il consumatore risparmia a volte no
. Sicuramente, è ancora possibile acquistare prodotti genuini, ma lo sarà ancora per molto?

Pubblicato da Laura Simionato

Fonte: http://contintasca.blogosfere.it

Condividi questo articolo