Casa, costa caro il condominio

Casa dolce casa, ma anche cara. I prezzi del mercato immobiliare sono sempre molto elevati, ma diventare proprietario di quattro mura e un tetto è sempre uno degli obiettivi degli italiani. Ma una cosa è certa, proprietari o in affitto, la casa va mantenuta.

E mantenere una casa costa parecchio. Non è certo una sorpresa e ma questa volta la conferma, l'ennesima, arriva da una indagine realizzata dal Censis Servizi e dall'Anaci (Associazione nazionale degli amministratori condominiali e immobiliari): gli italiani in media hanno sborsato 1400 euro all'anno per le spese condominiali.

E la spesa maggiore, quasi 500 euro, riguarda i costi dei consumi condivisi di luce, gas e acqua. Decisamente inferiori tutte le altre voci: le manutenzioni ordinarie coprono il 12,9% della spesa, i servizi il 10,4%, la ristrutturazione l'8,3%, la manutenzione dell'ascensore il 7,8%, le polizze assicurative il 7,4%, l'acqua il 7,3%, il portiere e giardiniere (lavoro subordinato) il 7,2%, le imposte e le tasse il 3,1% e le consulenze il 2,6%, mentre la generica voce “altro” rappresenta il 6,1% della spesa totale.

Costi che lievitano quindi a causa dei consumi condivisi di luce, gas e acqua, che insieme superano un terzo dell'intera spesa condominale.

Fonte: Mia Economia

Condividi questo articolo