Casa ecologica, l'Italia si adegua

Per incentivare le energie pulite, la Provincia di Milano si è data alcuni obiettivi ambiziosi ma realizzabili: anzitutto, ridurre i consumi finali dell'1% annuo da oggi sino al 2010, in linea con la Direttiva Europea n° 32 sui Servizi Energetici approvata il 5/04/2006.

Il progetto della Provincia prevede anche di installare entro il 2010 collettori solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria per un totale di 30.000 kW (pari a 50.000 m²), dotare gli edifici scolastici provinciali di pannelli solari fotovoltaici per una produzione di energia pari a 1.000 kW e abbattere le emissioni di anidride carbonica di 130.000 tonnellate all'anno.

Insomma, si tratta di progetti ambiziosi per realizzare i quali è stata avviata una strategia politica basata sulla collaborazione tra Enti, associazioni e operatori del settore che ha dato vita a un tavolo di lavoro interistituzionale in collaborazione con i Comuni, e d'intesa con il Ministero per lo Sviluppo Produttivo e con la Regione Lombardia, finalizzato all'approvazione di alcuni innovativi strumenti, come i nuovi regolamenti edilizi e la certificazione energetica degli edifici.

Nuovi regolamenti edilizi sono intanto entrati in vigore in numerosi Comuni della Provincia di Milano (Carugate, Corbetta, Melzo, Cassina de' Pecchi, Cusago, Pessano, Pioltello, Cormano, Garbagnate, Parabiago, Muggiò, Bareggio, Trucazzano, Cusano, Cesano Boscone).

Di recente è nato anche un Sistema di Accreditamento per gli Organismi di Certificazione Edilizia, la Sacert, con compiti di verifica e certificazione di impianti e personale addetto.

Infine è nata la rete Infoenergia sul territorio provinciale con lo scopo di fornire ai cittadini dei Comuni con meno di 40.000 abitanti, assistenza per le questioni pratiche e informazioni sulle opportunità di risparmio energetico, sulle forme di finanziamento e sulle normative in materia energetica. Gli Sportelli offrono anche supporto ai Comuni e agli operatori dell'energia.

Il primo Punto Infoenergia è stato inaugurato lo scorso 2 ottobre a Melzo insieme al punto di coordinamento nel capoluogo, in corso di porta Vittoria 27. Sono seguiti i due sportelli di Carugate, inaugurati il 9 ottobre. Entro il 2007 ne verranno aperti nei Comuni di Corbetta, Garbagnate, Cesano Boscone, Melegnano.

E la provincia milanese non è sola ad attivarsi in questo senso. Un po' più su, infatti, a Bolzano è stato attivato il progetto CasaClima, in base al quale da tempo ormai si classifica il consumo energetico delle loro classi assegnando dei voti, come per gli elettrodomestici: 30 kilowattora per metroquadro = classe A.

In base a questa classifica, si può dedurre ad esempio che in un appartamento di 100 mq a Bolzano (dove fa freddo) di classe A, il riscaldamento costerà 160 euro all'anno, decisamente meno rispetto ai 1.500-2.000 di una casa tradizionale.

Fonte: Mia economia

Condividi questo articolo