Cina: migliora visibilmente lo status sociale della donna

Il 21 ottobre, a Beijing, sono stati resi noti i dati principali della terza indagine sullo status sociale della donna cinese, secondo i quali, negli ultimi anni, la sua posizione è migliorata in modo significativo.

Questa terza indagine, condotta dalla Federazione delle donne e dall'Ufficio statistico cinesi su tutto il territorio, segue in ordine di tempo le prime due svolte rispettivamente nel 1990 e nel 2000. Questa analisi ha preso in esame nove aspetti: sanità, istruzione, economia, previdenza sociale, politica, matrimonio e famiglia, stile di vita, conoscenza dei diritti legali, e di gender. Questa edizione ha raccolto in totale oltre 100 mila questionari validi di persone maggiori di 18 anni. Secondo i dati, rispetto a 10 anni fa, la situazione sanitaria femminile è notevolmente migliorata, cosi come si è innalzato il livello di salute riproduttiva delle donne nelle zone rurali. Nelle campagne il numero di donne incinte, sotto i 35 anni, che riceve un esame medico e partorisce in ospedale è aumentato rispettivamente del 13.4% e 40.6%; il tasso di scolarizzazione femminile e' aumentato in media di 2.7 anni; i tassi di fruizione della pensione e della previdenza sociale per le donne nelle città sono aumentati rispettivamente del 25.4% e 46.1%. Inoltre l'elevamento della posizione sociale della donna si riflette anche in una maggiore partecipazione nelle decisioni familiari più importati e nell'aumento significativo di una consapevolezza di sé nell'uso di tutela giuridica ecc. Il vice presidente della Federazione cinese delle donne, Song Xiuyan ha illustrato:

“Il ruolo della moglie in famiglia si è elevato rispetto al passato, e c'è un dato che spiega bene questa condizione: la percentuale di partecipazione della moglie alle grandi decisione, come quelle relative agli investimenti o ai prestiti per la famiglia è aumentata del 14.3%. L' idea che uomini e donne condividano le responsabilità sugli affari familiari è inevitabilmente accettata. Cosi' come é diminuita la differenza di tempo dedicata ai lavori domestici tra i due sessi.

Il grado di conoscenza riguardo alla “Legge sulla tutela dei diritti delle donne” è aumentato notevolmente”.

Sebbene ci sia un miglioramento dello status sociale della donna su larga scala, i dati hanno anche mostrato alcuni problemi tuttora esistenti. Per esempio c'è ancora uno squilibrio del livello di istruzione tra diverse regioni, le violenze familiari, le discriminazioni sul lavoro, ed il carico del lavoro domestico della donna è ancora pesante. Song Xiuyan, vice presidente della Federazione cinese delle donne, ha illustrato:

“Il numero di anni di scolarizzazione delle donne nelle campagne del centro e dell'ovest è in media di 0.8 anni più basso di quello dell'est. La differenza salariale tra i due sessi è ancora grande: lo stipendio medio annuale delle donne che lavorano nelle città e nelle campagne è rispettivamente del 67.3% e 56% rispetto a quello degli uomini. Esistono ancora alcuni ostacoli nella partecipazione delle donne ai processi decisionali e gestionali: il numero di donne in ruoli di leadership in qualunque settore è la metà rispetto a quello degli uomini. Il carico dei lavori domestici è ancora molto pesante per le donne. Inoltre si assiste ad un ritorno della concezione della diversità dei sessi, ad esempio la percentuale di chi ritiene che gli uomini debbano occupare un ruolo centrale all'interno della società, mentre le donne debbano occuparne uno all'interno della famiglia, sono aumentate dal 2000 rispettivamente del 7.7% e del 4.4%”.

Song Xiuyan ha affermato che la Federazione organizzerà un gruppo di esperti per attuare una ricerca approfondita sui problemi esistenti e darà suggerimenti ai dipartimenti interessati affinché questi ultimi possano adottare misure efficaci per risolverli.

Fonte: http://italian.cri.cn

Condividi questo articolo