Consultazione on line delle informazioni ipocatastali

Dal 10 maggio è possibile, anche per i singoli cittadini, consultare gratuitamente via Internet la banca dati catastale e, con il pagamento delle relative imposte, quella ipotecaria.

Questa importante innovazione, che rappresenta un altro passo avanti verso la completa informatizzazione dei servizi dell'Agenzia del Territorio è contenuta neldecreto del 4 maggio 2007(file in formato .pdf) recante ''Accesso al sistema telematico dell'Agenzia del territorio per la consultazione delle banche dati ipotecaria e catastale'' (G.U. n. 107 del 10 maggio 2007).

Il provvedimento stabilisce, infatti, le nuove modalità di accesso telematico alle banche dati ipotecaria e catastale.

Il decreto, per quanto riguarda i dati catastali, tiene naturalmente conto dell'innovazione introdotta con lalegge di conversione DL 262/2006 n. 286/2006(file in formato .pdf), che ha reso completamente gratuite le visure catastali.

Con il provvedimento direttoriale si è, inoltre, provveduto a rivedere, completamente, con decorrenza 1° gennaio 2008 la disciplina dell'accesso alle banche dati, su base convenzionale, da parte degli utenti abituali (notai, geometri, professionisti in genere ed Enti), con l'abolizione del canone e la previsione, a titolo di rimborso spese, di 200 euro da corrispondere una tantum e di 30 euro annuali per ogni password utilizzata.

La tassa, prevista per le sole ispezioni ipotecarie, sarà corrisposta in base alle consultazioni effettuate.

Pertanto:

dal 10 maggio, sarà possibile accedere, attraverso il sito internet dell'Agenzia, direttamente e gratuitamente, alle informazioni catastali relative al classamento e alla rendita degli immobili (indicando obbligatoriamente gli estremi di identificazione catastale);

dal 1° giugno l'accesso diretto, previo accreditamento del richiedente attraverso il sistema di autenticazione di “fisco on line” dell'Agenzia delle Entrate, consentirà, di conoscere l'elenco dei beni immobili intestati ad un soggetto;

sempre dal 1° giugno, l'accesso diretto, da parte del singolo utente, per la consultazione della banca dati ipotecaria è consentito tramite la registrazione, in via sperimentale, al servizio “Porta dei Pagamenti” di Poste Italiane S.p.A. per ogni consultazione effettuata, le tasse ipotecarie previste dalla normativa vigente saranno aumentate del cinquanta per cento, come previsto dal decreto legge n. 2/2006, già citato;

dal primo gennaio 2008 entrerà in vigore la nuova disciplina relativa alle convenzioni, con professionisti ed enti, per l'accesso alle banche dati catastali ed ipotecarie. Tale disciplina, come già detto, prevede l'abolizione del canone annuo, il versamento una tantum della somma di 200 euro a titolo di rimborso spese e della somma di 30 euro annuali per
ogni password utilizzata. La convenzione verrà stipulata in modalità telematica con la Direzione dell'Agenzia del territorio, utilizzando lo schema di convenzione allegato al decreto (allegato B). Anche per i versamenti richiesti (rimborso spese, contributi per le password e tasse ipotecarie) verranno utilizzate modalità telematiche.

Fonte: Agenzia del Territorio

Condividi questo articolo