Consumi, italiani.coop: “dicci come spendi e ti diremo che single sei”

“Dicci come spendi e ti diremo che single sei o almeno ci proviamo”, è il quesito posto da italiani.coop, che ha realizzato un’indagine su consumi e composizione di coloro che l’Istat definisce “persone sole”, in occasione della festa di San Martino. Dallo studio è emerso che la maggior parte dei single italiani intervistati è composta da uomini e che il 47% di tutti i single intervistati, uomini e donne, ha più di 65 anni. Ma non si tratta solo di vedovi (40%), il 39% di loro è celibe o nubile e il 21% è composto da persone separate.
Lo studio mette in luce anche il trend di crescita delle persone sole in Italia. Risulta, infatti, che in 40 anni il numero è cresciuto in percentuale più del doppio e continua ad aumentare: erano 2 milioni nel ’71, 7 milioni e mezzo nel 2011 e hanno sfiorato gli 8 milioni e mezzo l’anno scorso.

Agli intervistati sono state poste anche domande su spese e consumi: i single tra i 35 e i 64 anni spendono 1.985 euro al mese in media, contro i 1.675 dei più giovani e i 1.641 dei più anziani. Le spese degli over 65 riguardano soprattutto articoli per la casa, inoltre gli intervistati anziani spendono più del 17% del loro budget mensile in alimenti. Mentre, rispetto alle altre fasce di età, i giovani tra i 18 e i 34 anni spendono di più nel settore dell’abbigliamento e nella comunicazione.

Ma “essere single non è conveniente”, sostiene lo studio. Infatti emerge che, mentre un single italiano supera i 1.600 euro mensili in media di spesa pro capite, una coppia che ha tre figli riesce ad abbassare questo tetto fino a 670 euro a testa, una con due figli a 792 euro e comunque anche le coppie senza figli spendono meno delle “persone sole”, con un budget mensile che varia dai 1.200 euro a poco più dei 1.400.

Condividi questo articolo