Consumo dei condizionatori

si consiglia di scegliere il modello più adatto alle proprie esigenze, tenendo d'occhio la classe di consumo energetico. Ma attenzione anche al loro utilizzo Il primo impianto di condizionamento dell'aria è stato realizzato da Willis Carrier nei primi del 900 negli Stati Uniti con lo scopo di raffreddare un ambiente.

Il condizionatore è un elettrodomestico che sviluppa del calore (positivo o negativo) che viene scambiato con un fluido, a sua volta messo in circolo cedendo il calore all'ambiente in modo da alzarne o abbassarne la temperatura. I condizionatori si dividono in due gruppi:

  •  Solo freddo: raffreddano l'aria.
  • A pompa di calore: raffreddano e riscaldano l'aria.

In base al consumo dei condizionatori e al tipo di alimentazione, possono essere fatte due distinzioni:

  • I condizionatori d'aria on-off, che sono meno costosi, hanno però un consumomolto elevato perchè quando si accendono arrivano a raggiungere la massima potenza e la mantengono fino a quando l'apparecchio non viene spento.
  • I condizionatori d'aria ad inverter, che sono più costosi, utilizzano soltanto la potenza necessaria a raggiungere la temperatura desiderata. Poi, appena raggiunta, diminuisce sensibilmente il consumo energetico. Il consiglio è quello di acquistare un condizionatore ad inverter soltanto nel caso in cui esso debba essere utilizzato parecchie ore al giorno; al contrario, per usi sporadici, si consiglia il modello on-off.
  • Consigli per l'Uso Pratico

    Sapete che vi sono alcuni consigli a cui tutti coloro che possiedono un condizionatore dovrebbero attenersi? Ner riguardano da vicino l'utilizzo, ma permettono di ottenere un interessante risparmio in termini economici poichè tengono a bada il consumo dei condizionatori:

    • Manutenzione ordinaria: una semplice assistenza sui condizionatori per la pulizia dei filtri garantisce il funzionamento regolare della macchina. Se non vi sono ostruzioni al passaggio dell'aria, l'intera macchina necessita di minor energia per il funzionamento grazie ad una ventilazione libera e più leggera;
    • Fai girare ad alti regimi il condizionatore per i primi 30-40 minuti e raggiungerai presto la temperatura desiderata;
    • Mantieni la tua temperatura: non spegnere il condizionatore, ma continua a farlo funzionare al minimo così da evitare una dispersione del “fresco” creato e da ridurre ai minimi i consumi;
    • Funzione Deumidificazione: sai che eliminando l'umidità dell'aria puoi ottenere grandi benefici in termini di benessere climatico? Nelle giornate afose la funzione di deumidificazione permette di ridurre il senso di calore e, al contempo, di ridurre il consumo dei condizionatori.

    Fonte: www.prontoroma.it

    Condividi questo articolo