Cookie Cup: le tazzine commestibili di Lavazza

La Lavazza sta per lanciare una nuova tazzina commestibile che, a detta dell'azienda, farebbe risparmiare sull'acqua utilizzata per lavare le tazzine, oltre che far felici tutti quelli che, insieme al caffè, gradiscono qualcosa di dolce per accompagnarlo.

Disegnata dallo stilista venezuelano Enrique Luis Sardi, la tazzina che può essere considerata un incrocio tra cono del gelato e biscotti, è ricoperta da uno strato di zucchero a velo che funge da isolante rendendo impermeabile il bicchierino e dolcificandolo al tempo stesso.

L'idea è molto vicina, concettualmente, anche al cucchiaino di cioccolato che sta diventando d'uso comune in molti bar. Al momento, però, Lavazza ancora non si sbilancia su quando verrà lanciata, né sul prezzo, ma, a quanto pare la tazzina commestibile ha già raccolto diversi premi di ecologia e marketing.

Perché allora a noi non convince del tutto? Forse per tutto quello zucchero raffinato contenuto al suo interno, forse perche l'azienda non ha diffuso, di contro, l'acqua che viene utilizzata per produrla: è davvero meno di quella necessaria per lavare le tazzine? E soprattutto, non assisteremo ad uno spreco di cibo di questa nuova forma di usa e getta commestibile? Quanti clienti che berranno il caffè, mangeranno poi tutta la cialda della loro tazzina? Quanti ne morderanno solo un pezzo e quanti avranno il coraggio di incartarla e portarla via per mangiarla in un secondo momento? Guarda qui: www.psfk.com/2012/07/edible-coffee-cup.html/cookiecoffeecup4-2

Simona Falasca

Fonte: www.greenme.it

Condividi questo articolo