Crisi e salvadanai, come i bambini vedono l'economia

Un laboratorio per imparare che cos'è il denaro.

 

Piccoli risparmiatori crescono, ovvero come imparare a gestire con attenzione il salvadanaio a porcellino. E' iniziato ieri pomeriggio, al Circolo dei Lettori, il ciclo di laboratori per bambini sull'abc della finanza, organizzato dalla Banca Regionale Europea. Un gioco-seminario che ha l'obiettivo di educare i baby consumatori all'oculatezza nelle spese.

Ai tempi dello spread, inutile raccontare ai nostri figli che i soldi si trovano sotto il cavolfiore.

Meglio coinvolgerli fin da subito, spiegando in modi semplici i meccanismi del lavoro e dell'economia domestica. Attenti e ricettivi, a forza di sentire parlare di crisi in tv, i piccoli stupiscono nelle risposte. E allora via al divertimento, gareggiando sul significato di tassa («Quella cosa che serve per pagare la maestra», afferma Livia, una bimba di 7 anni tra il pubblico), guadagno, compenso, acquisto, risparmio. Sotto gli occhi divertiti dei genitori, ascoltarli è uno spasso.

«Bambini, sapete cos'è lo stipendio?». «Sìii, è una medaglia!», risponde Marco, 5 anni, appena entrato in prima elementare. La mamma sorride. L'intrattenitore, Marco Mendicino della Direzione territoriale Torinese della Banca, spiega che lo stipendio consiste in quei «soldini che mamma e papà ricevono ogni mese in busta paga, per mandare avanti la famiglia e soddisfare i vostri desideri». Un bimbo dall'ultima fila, secco, domanda: «E chi non ha il lavoro?». Quando si dice il senso di realtà.

Alla prova dei quiz dell'isola deserta, fantasia e spontaneità si scatenano. «Se foste naufraghi in una terra sperduta, cosa vorreste avere? Una pecora, un cellulare o una crema solare?». Martina risponde: «La pecora, perché fa il latte e il formaggio e mi può sfamare». Tra scherzi e merenda a pane e cioccolato, la missione dei piccoli risparmiatori è compiuta: creare un salvadanaio per le monetine guadagnate come premio, in cambio dei lavoretti di casa. Il laboratorio si replicherà il 1 dicembre, quando in parallelo sarà previsto anche un approfondimento per i genitori su bilancio familiare e investimenti.

letizia tortello

Fonte: www.lastampa.it

Condividi questo articolo