Dal mais anche le magliette antiallergiche

E' uno dei tanti prodotti ottenibili utilizzando bioplastiche denominate “Mater-bi” che, ricavate dall'amido di mais, grano e patata, sono completamente biodegradabili in svariati ambienti, proprio come la cellulosa pura.

Magliette, penne e bicchieri colorati, ma anche costruzioni per bambini e tanti oggetti per la casa. Tutto questo ottenuto dalle coltivazioni agricole di mais interamente naturali. Sono queste le innovazioni presentate dalla Coldiretti nel Forum internazionale dell'agricoltura e dell'alimentazione svoltosi a Cernobbio, dove è stato allestito con la collaborazione di Novamont uno stand con prodotti interamente biodegradabili, ottenuti da amidi vegetali, rinnovabili e non geneticamente modificati di origine europea. Si tratta di bioplastiche denominate “Mater-bi” che, ricavate dall'amido di mais, grano e patata, assicurano vantaggi, caratteristiche e prestazioni dei materiali tradizionali. E non solo, perché consentono anche di risparmiare energia, contribuendo a ridurre l'effetto serra, ma anche perché si trasformano alla fine del proprio ciclo vitale in humus in quanto completamente compostabili. I materiali termoplastici Mater-Bi offrono proprietà fisiche e chimiche simili a quelle delle materie plastiche tradizionali, pur essendo completamente biodegradabili in svariati ambienti, proprio come la cellulosa pura.

Nella gamma di prodotti ottenuti dal mais ci sono i tradizionali shopper per la spesa, sacchi e fodere per la raccolta differenziata, contenitori alimentari, bastoncini cotonati, pannolini fino ad arrivare agli innovativi materiali per il packaging industriale come sostitutivi del polistirolo o a materiali completamente atossici destinati al divertimento di bambini o animali. Basti pensare alle costruzioni colorate completamente a base di mais da cui si ottengono le forme più svariate o agli ossi per cani, roditori e altri animali domestici.

Nel panorama dei prodotti ottenuti dai cereali si aggiungono anche le fibre tessili che vanno a sostituire quelle sintetiche derivate dal petrolio. Prodotti dell'abbigliamento come camicie e t-shirt, ma anche tende, imbottiture per cuscini, coperte e moquette che, rispetto alle fibre chimiche, garantiscono le stesse performance e neutralizzano il rischio di allergie sempre più frequente con i prodotti sintetici. ''L'agricoltura buona non solo da mangiare'', è il messaggio che il presidente della Coldiretti Paolo Bedoni ha lanciato dal Forum per sottolineare che ''dai campi possono venire importanti opportunità per ridurre l'inquinamento ambientale e garantire uno sviluppo veramente sostenibile''.

Fonte: La scoperta (buongiorno.com)

Condividi questo articolo