Dalla parte dei consumatori: Anidride soIforosa in etichetta

Novità sulle etichette dei vini italiani e comunitari. A partire dalla vendemmia di quest'anno sulle bottiglie dovrà essere indicata la presenza di anidride solforosa.

Lo stabiliscono due regolamenti comunitari, 753/2002 e 199/2004. Secondo le disposizioni l'annata 2005 dovrà riportare in etichetta o nella retro-etichetta in caratteri chiari, indelebili e sufficientemente grandi la dizione «contiene anidride solforosa» o «contiene solfiti», qualora nel vino in questione venga superata la soglia di 10 milligrammi per litro di questo additivo. Tale indicazione vale anche per i vini provenienti dall'estero.

L'anidride solforosa è una sostanza allergenica ma ha una funzione antisettica e serve a limitare lo sviluppo di batteri nel vino e a prevenirne l'ossidazione e il deperimento. L'anidride solforosa contenuta nel vino può dare luogo ad episodi allergici come l'asma.& lt;/b>

Movimento consumatori sede legale Via Piemonte 39/A 00187 Roma Tel. 064880053

Condividi questo articolo