E' meglio l'acqua del rubinetto o l'acqua in bottiglia?

Qual'è più buona? Quale più pura? Chi è più amica dell'ambiente? E l'acqua venduta è sincera quando parla di se stessa in televisione? Difesa dell'acqua in bottiglia: la parola a chi la vende

Chi vende acqua in bottiglia difende le sue ragioni contro chi vorrebbe proibire le pubblicità delle acque di marca e favorire il consumo dell'acqua di rubinetto, chi si oppone alla privatizzazione delle sorgenti e chi trova ” medioevale” fare la fatica di portarsi l'acqua a casa come si faceva quando si andava al pozzo, potendo farne a meno. Oggi vi riporto le ragioni di uno di loro: Alberto Bertone dellaSant'Anna di cui avevamo presentato la bottiglia in PLA.

“Se in Italia beviamo più acqua in bottiglia probabilmente è perché siamo più sensibili ai prodotti naturali e genuini. Nei nostri laboratori eseguiamo centinaia di analisi al giorno su acqua prelevata allo stato naturale dalla sorgente. Poi se qualcuno vuole bere l'acqua del Po dove non andrebbe neppure a sciacquarsi le mani, soltanto perché con l'aggiunta di sostanze chimiche come il cloro e i nitrati ritorna trasparente faccia pure…. Risparmierà 80 euro l'anno ma non so se li ripagherà in salute…”.

Alla domanda “Esiste una proposta di legge popolare per ripubblicizzare l'acqua,  Lei che ne pensa?” Bertone risponde: “Guardi c'è qualcuno che sostiene anche che ogni acqua dovrebbe essere distribuita nella propria regione o addirittura nella propria provincia. Io dico che questi politici-comici o comici-politici dovrebbero capire che servono i numeri per dare costi bassi di vendita. Se io vendessi l'acqua Sant'Anna solo in Piemonte una bottiglia mi costerebbe dieci volte di più. E non potrei certo permettermi venti stabilimenti sparsi per l'Italia.

Poi c'è anche un altro piccolo particolare di cui ci si dimentica… e cioè la libertà di scegliere. Le acque non sono tutte uguali, ognuna ha le sue caratteristiche . E non si può certo impedire a un napoletano di scegliere un'acqua leggera del nord e a un milanese di scegliere un'acqua più ricca di sostanze che proviene da sorgenti nel Sud Italia”.

Fonte: eco Blog

Pubblicato da: Fiore

Condividi questo articolo