Economia domestica: anche in Italia arriva lo shopping collettivo, risparmi fino al 70 percento. Ecco come funziona

Dopo il grande successo ottenuto in Spagna, a Madrid, Barcellona e Valencia, sbarca anche in Italia la moda dello shopping collettivo proposto da LetsBonus. Il sito internet (letsbonus.it), lanciato da una società iberica, inaugura un nuovo modello di acquisti on line anche a Roma e Milano.

Il principio è semplice: più siamo, meno paghiamo. LetsBonus propone una offerta, valida 24 ore, di servizi per il tempo libero a prezzi scontatissimi, fino al 70% in meno rispetto al costo originale. L'utente si registra al sito e si candida ad acquistare il prodotto. Quando si raggiunge il numero minimo di acquirenti interessati, allora l'affare è fatto e il pagamento viene portato a termine.

Per accelerare il meccanismo, gli utenti registrati possono consigliare a parenti e amici di approfittare della stessa offerta tramite il passaparola, incentivati da un premio di 5 euro da spendere nelle successive proposte.

I prodotti offerti sono di ogni genere: biglietti low cost per spettacoli teatrali, cene esclusive, corsi di yoga, escursioni in Ferrari e gite fuori porta. Si potranno anche acquistare trattamenti di bellezza nelle benefiche “Grotte di sale” di Roma, a soli 8 euro, fare delle sedute in una lussuosa spa a 9 euro e ancora cenare in un ristorante giapponese spendendo soltanto 8 euro.

Il Spagna il fenomeno ha conquistato migliaia di persone che, anche in tempi di crisi, pur dovendo risparmiare, non vogliono rinunciare a concedersi qualche piacere. LetsBonus è stato preso d'assalto sia da uomini che da donne, insomma da tutti coloro che amano i prodotti e i servizi di qualità, spesso anche le stravaganze, e che si servono del web per assicurarsi le offerte migliori. Anche le famiglie hanno trovato in LetsBonus un modo comodo e veloce per soddisfare le esigenze di tutti i membri senza spendere una fortuna.

«Un fan del nostro sito che in una settimana approfitta di tutti gli sconti che proponiamo ” ha spiegato Miguel Vicente Verdoy, fondatore e CEO di LetsBonus ” arriva a risparmiare da 100 a 250 euro al mese. Senza privazioni. Questo è il commercio del futuro: nel mondo lo shopping on line sta aumentando esponenzialmente, grazie anche ai social network, perché è semplice e fa risparmiare».

LetsBonus, in nove mesi, ha già avuto 80 mila acquirenti e una media di 300 mila persone iscritte al sito internet. Con 70 mila coupon di sconto venduti ha permesso ai suoi fan di risparmiare oltre un milione di euro. Ora, con il lancio a Roma e poi a Milano (dal prossimo primo luglio), si punta a conquistare tutti i fan dello shopping on line.

Le aziende che propongono i loro servizi scontati fino al 70% cosa ci guadagnano? Innanzitutto visibilità. Le società partner hanno un grande ritorno a livello d'immagine, ottenuto con un investimento molto inferiore rispetto alla pubblicità tradizionale, perché sfruttano la copertura mediatica di LetsBonus e la sua penetrazione nei social network (Facebook, Twitter) e sui motori di ricerca. La pagina Facebook di Letsbonus Roma in pochi giorni ha ottenuto più di 2000 fan.

Inoltre, gli associati ne traggono un grande vantaggio economico perché riescono ad aumentare il loro volume d'affari. La condizione principale di LetsBonus è, infatti, che si raggiunga un minimo di acquirenti. «Un nuovo esercizio commerciale ” spiega Miguel Vicente Verdoy ” può ottenere anche da 3 mila a 5 mila clienti in più in un solo giorno, grazie a LetsBonus. Non solo: si crea un giro di acquirenti anche per i mesi successivi».

di Riccardo Capannelli

Fonte: www.finanzautile.org

Condividi questo articolo