Economia domestica: torna il bonus bebè. Ecco come funziona

Dal 1 gennaio 2010 riparte il finanziamento agevolato per i bambini in seguito al Piano Anticrisi varato dal Governo.

Il prestito bebè ammonta a un importo massimo di 5000 euro destinato a ogni bambino nato o adottato nel 2009, nel 2010 o nel 2011.

Per poter garantire questi prestiti, ed in particolare del rischio di insolvenza, il Governo ha predisposto un fondo ad hoc, denominato ‘Fondo nuovi nati' con una dotazione di 25 milioni di euro, che permetterà alle banche di prestare il denaro a tassi agevolati ricevendo in cambio una garanzia di rimborso che andrà a coprire fino al 75% dell'eventuale insolvenza.

COME FUNZIONA
E' sufficiente rivolgersi direttamente agli istituti di credito che aderiscono all'iniziativa.

Il prestito, che dovrà essere restituito nell'arco di cinque anni, avrà un tasso fisso del 4,80%, un tasso che è pari alla metà di quello che in genere vanno ad applicare le banche.

Grazie al Fondo per i nuovi nati, le famiglie con nuovi nati potranno sostenere le spese per la cura e l'assistenza del bambino. Particolari agevolazioni saranno poi concesse ai nuclei con bambini affetti da malattie rare, per i quali è prevista una percentuale di rimborso dello 0,50%. Il prestito in questo caso sarà infatti assistito anche da un contributo in conto interessi, grazie a un ulteriore finanziamento di 10 milioni di euro.

Fonte: www.finanzautile.org

Condividi questo articolo