Energia, un bonus per chi entra nel mercato libero

È previsto un bonus per i clienti che decidono di abbandonare il mercato tutelato dell’energia elettrica per entrare nel mercato libero. Tali utenti, per un anno intero, potranno fare una prova attraverso la cosiddetta tutela simile, studiata appositamente per accompagnare il consumatore verso il mercato libero. Secondo quanto comunicato da fonti stampa, l’opportunità è disponibile dal 1° gennaio 2017: un sito, gestito da Acquirente Unico, consente ai singoli consumatori domestici e alle piccole e medie imprese di visualizzare la classifica delle 27 società che hanno aderito al progetto, il bonus offerto ai clienti che decidono di entrare nel mercato libero e il numero di clienti a cui intendono offrirlo.

La tutela simile è una particolare offerta di mercato libero di sola energia elettrica (non vengono inclusi servizi aggiuntivi) con condizioni contrattuali obbligatorie e omogenee e condizioni economiche uguali al servizio di maggior tutela (18,635 centesimi di euro per kilowattora, tasse incluse) ma scontate in relazione al bonus che ogni società ha deciso di offrire”. Questo sistema è partito il 1° gennaio 2017 e terminerà il 30 giugno 2018. Il contratto del singolo cliente avrà una durata di 12 mesi, potrà essere stipulato una sola volta e non sarà rinnovabile.

I soggetti della tutela simile sono due: l’amministratore che è Acquirente Unico Spa, che si occupa della gestione del sito centrale, dell’ammissione dei fornitori, della verifica e del mantenimento dei requisiti da parte dei partecipanti, e i facilitatori, ossia le associazioni dei consumatori – Acu, Adiconsum, Adoc, Casa del consumatore, Centro tutela consumatori e utenti, cittadinanza attiva, Codici, Federazione confconsumatori, Federconsumetori, Lega consumatori, Movimento consumatori, Movimento difesa del cittadino, Unione per la difesa dei consumatori – e le organizzazioni dei rappresentanti delle Pmi che supportano i clienti nella comprensione delle offerte.

Condividi questo articolo