Estate 2010, Afa: ecco le linee guide del ministero della salute per proteggersi dal caldo

Dopo tanto freddo e tanta pioggia, è arrivato il primo grande caldo e con lui, puntuale, come ogni anno, il vademecum per combattere l'afa estiva.

 Anche questa volta infatti, il Ministero della Salute ha realizzato il Programma nazionale per la prevenzione dei rischi per la salute da ondate di calore ” Estate 2010, messo a punto con il sostegno Dipartimento della Protezione civile nazionale, Regioni e Comuni.

Si tratta di una serie di iniziative, regole e consigli rivolti ai cittadini, per evitare di incorrere nei danni derivanti dal caldo e dall'umidità estiva, che minaccia di colpire bambini, anziani, persone con malattie respiratorie e cardiovascolari, persone sole e abbandonate.
Tra le regole del vademecum:

  1. uscire di casa nelle ore meno calde della giornata (dalle 11 alle 18)
  2. vestirsi con abiti leggeri, larghi, di cotone, proteggersi la testa con dei cappelli di colore chiaro, occhiali da sole e crema solare.
  3. non lasciare mai persone o animali nell'auto parcheggiata al sole (neanche per pochi minuti) e prima di entrare in macchina far ventilare.
  4. oscurare le finestre di casa e dell'ufficio con tende pesanti, aprire le finestre la mattina presto, la sera e la notte e tenerle chiuse nelle ore più calde.
  5. utilizzare correttamente i climatizzatori; pulire bene i filtri e regolare la temperatura a 24-26 gradi.
  6. bere molta acqua e bevande zuccherate, mangiare molta frutta e verdura colorata, evitare bevande alcooliche.
  7. mangiare leggero, evitare i grassi e fare attenzione alla conservazione di cibi facilmente alterabili con le temperature: latticini, gelati, surgelati, carni e dolci.
  8. conservare i farmaci in luoghi freschi e asciutti.
  9. prestare cura e attenzione agli anziani o alle persone a rischio che potrebbero aver bisogno di aiuto nelle ore più calde.

Oltre al vademecum per i cittadini, il ministero ha redatto anche un sistema di allerta e prevenzione, per stabilire con anticipo l'arrivo di un'ondata di calore e informare sia gli operatori locali che la popolazione. Operativo fino al 15 settembre 2010, è attivo nei principali centri urbani.
Il ministero ha pubblicato inoltre dei vademecum scaricabili da internet dedicati alla popolazione, ai medici, agli operatori socio-sanitari e alle badanti per prevenire danni agli anziani e alle persone più deboli.
Infine, Regioni, Comuni e aziende locali hanno messo a punto dei piani operativi di assistenza, secondo le linee guida del ministero, verso le persone più deboli. Per ulteriori informazioni: http://www.salute.gov.it/

Scritto da Verdiana Amorosi

Fonte: www.greenme.it

Condividi questo articolo