ETICHETTATURA. Ue, deputati dicono no ai profili nutrizionali basati su grassi, zuccheri e sale

L'Unione Europea si divide sulle informazioni nutrizionali da dare al consumatore sugli alimenti che acquista. Oggi, infatti, la Commissione per l'ambiente, la salute e la sicurezza alimentare del Parlamento Europeo ha approvato l'emendamento della deputata tedesca Renate Sommer che chiede di eliminare i profili nutrizionali, basati sulla presenza di grassi, zuccheri e sale nei cibi, dalla proposta della Commissione europea sulle informazioni nelle etichette.

Secondo i parlamentari i profili nutrizionali proposti dalla Commissione Ue rischiano di dividere i cibi in buoni e cattivi, in base a queste poche informazioni (presenza di grassi saturi, di zuccheri e di sale) senza tener conto delle varie culture alimentari europee. E questo può indurre il consumatore in errore, creando anche disparità di trattamento tra importanti settori dell'industria alimentare europea. Per Renate Sommer spetta al consumatore scegliere e per questo deve disporre di una etichetta ricca d'informazioni. L'emendamento passerà all'esame del Parlamento Europeo in Plenaria tra maggio e giugno.

& lt;FONT size=1>Link:  Progetto Commissione Europea

2010 – redattore: GA

Fonte: helpconsumatori.it

Condividi questo articolo