EUROPA. Coppie internazionali. Cosa succede in caso di separazione?

Cosa succede alla propria abitazione in caso di divorzio con un coniuge di un'altra nazionalità? Cosa succede al conto corrente comune se il coniuge, straniero, viene a mancare? E se una coppia ha proprietà o conti correnti all'estero, a quale giurisdizione si fa riferimento nel caso di separazione? “Regimi patrimoniali più chiari per coppie internazionali” è il nome del seminario organizzato dal Consiglio dei Notariati dell'Unione Europea (CNUE) in collaborazione con la Commissione Europea che si è tenuto oggi a Bruxelles e a cui hanno preso parte oltre 400 tra docenti universitari, avvocati, esperti di diritto di famiglia e rappresentanti delle istituzioni politiche nazionali ed europee.

In Europa ci sono circa 16 milioni di coppie internazionali, con circa 650 mila coppie ogni anno che si trovano ad affrontare problemi relativi a regimi patrimoniali. Sempre più cittadini vivono, lavorano, si sposano, divorziano in un Paese diverso da quello di origine. Solo nel 2007 in Italia sono stati celebrati quasi 35 mila matrimoni internazionali, pari all'11%. In tutta Europa il fenomeno ha interessato il 13% dei matrimoni e il 19% delle unioni civili registrate. Da regole certe e chiare in materia deriverebbero risparmi per circa 400 milioni di euro.

La risposta dell'Ue. Al centro del dibattito l'analisi delle due proposte di regolamento proposte dalla Commissione europea per l'individuazione della legge applicabile ai rapporti patrimoniali nel caso di coppie sposate e di conviventi di diversa nazionalità, proposte che non vogliono modificare la sostanza delle leggi nazionali di ciascun paese ma rendere più semplici le procedure nel caso di coppie con interessi in altri paesi Ue. Queste proposte non vogliono cambiare la sostanza delle leggi di ciascun Paese sulle unioni ma rendere più semplice le procedure nel caso di coppie con interessi in altri Paesi o nel caso in cui si trovino all'estero.

Ma non mancano le critiche a questo approccio. Nell'analisi della nuova normativa da parte di giuristi e accademici non sono mancate le segnalazioni di alcuni problemi pratici a cui la nuova normativa non riesce a dare risposte certe. In primis, il concetto di residenza abituale degli sposi: che cosa bisogna intendere? Qual è il lasso temporale tra matrimonio e l' individuazione della residenza abituale dei coniugi? Inoltre, non esiste in tutta UE un adeguato sistema di pubblicità ai fini della conoscenza da parte dei terzi dei regimi patrimoniali tra i coniugi (in Italia esiste per esempio un registro di stato civile, in altri paesi no).

Presentato il sito web dedicato ai regimi patrimoniali per le coppie internazionali redatto in 23 lingue. Viviane Reding, Commissario Ue alla Giustizia, ha annunciato che per la fine dell'anno sarà pronto il contratto europeo per la vendita transnazionale, d'interesse anche per tutte quelle coppie che si trovano a divorziare dal momento che, come ha ricordato la stessa Reding, “almeno un matrimonio su cinque si conclude in divorzio”. Tale contratto riguarderà solo l'acquisto a distanza di beni mobili. Oggi infatti poiché non esiste una normativa omogenea nella redazione dei contratti a distanza solo il 7% dei consumatori acquista su scala Ue via web e solo 1 azienda su 10 è attiva con attività di e-commerce a livello europeo. Secondo la Commissione il potenziale del commercio transfrontaliero potrebbe arrivare a 26 miliardi di euro grazie alla predisposizione di un modello di contratto di vendita transfrontaliero.

Il Consiglio dei Notariati dell'Unione Europea (CNUE) è l'organismo ufficiale e rappresentativo della professione notarile presso le istituzioni europee. Il CNUE, costituito nel 1993, raggruppa 21 organizzazioni notarili dell'Ue (circa 40 mila notai): Austria, Belgio, Bulgaria, Estonia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna e Ungheria. La Croazia ne è membro osservatore.

di Alessio Pisanò

2011 – redattore: AP

Condividi questo articolo