Famiglia e lavoro in primo piano nella riforma del sostegno all'economia

L'assessore provinciale Werner Frick saluta il compromesso che si delinea sulla proposta di legge per le pari opportunità e sottolinea che la richiesta di un premio alle aziende attente a conciliare famiglia e lavoro è già stata avviata da ottobre con la riforma del sostegno all'economia.

Frick ricorda che, sulla base della riforma del sostegno all'economia voluta dalla Giunta provinciale, “le aziende dei settori artigianato, industria, commercio e servizi che vengono classificate come attente alle esigenze della famiglia possono beneficiare di un contributo provinciale maggiorato e di un canale prioritario nella trattazione della richiesta.”

Conciliare famiglia e lavoro è uno dei temi che a Frick stanno più a cuore, “e che hanno trovato attuazione nella riforma del sostegno alle categorie economiche.” In concreto, le aziende in possesso del certificato di responsabilità sociale o di analoghi attestati possono contare su una maggiorazione del 2% dell'incentivo provinciale. La pratica, come detto, viene inoltre trattata come prioritaria, riducendo quindi i tempi di attesa per la liquidazione del contributo.

Per ottenere il certificato, le imprese devono possedere una serie di requisiti da cui la famiglia trae vantaggio. Le indicazioni esatte saranno disciplinate dalla nuova legge sulla pari opportunità: si pensa ad esempio ad almeno il 20% dei posti di lavoro disponibili a part time, alla possibilità per il personale di godere di modelli flessibili di organizzazione e di lavoro, al reinserimento lavorativo dopo il periodo di congedo parentale, alle offerte di aggiornamento. Inoltre, ricorda ancora Frick, nella riforma del sostegno all'economia già in vigore è previsto un incentivo all'investimento per la realizzazione di una struttura di assistenza dei figli del personale organizzata a livello aziendale.


(Autore: pf)

Fonte:www.provincia.bz.it/usp/news/news_i.asp?art=192543&HLM= 1

Pubblicato da: fiore

Condividi questo articolo