Figli e divorzio

Ogni anno in Italia si registrano 120mila tra separazioni e divorzi. Un momento delicato, specialmente per i figli che si trovano a fare i conti con una situazione familiare diversa da quella in cui sono vissuti fino a quel momento.

 Da qualche mese, con l'approvazione della Camera, sono stati compiuti passi decisivi per modificare la legge sull'affidamento dei figli in caso di separazione o divorzio. Ecco che cosa cambierà con le nuove regole.

RESPONSABILITà II giudice di regola affiderà i figli a entrambi i coniugi.

SPESE In caso di affido condiviso, ciascuno dei genitori provvede alle spese. Il giudice può però stabilire un assegno periodico a carico di un coniuge: infatti, ciascuno dei due genitori deve provvedere al mantenimento dei figli in maniera proporzionale al proprio reddito.

CASA Se il coniuge a cui è rimasta la casa che era in comune convive con un nuovo partner o si risposa (oppure se l'abitazione non viene più utilizzata come dimora abituale), l'assegnatario perderà il diritto a stare in quella casa.

TUTELA Sarà il giudice a valutare la possibilità che i figli restino affidati a entrambi i genitori oppure a uno solo dei due fino al compimento della maggiore età.

Tratto da: News

Condividi questo articolo