Finanziamento di nuovi progetti a favore delle famiglie

Proseguono gli interventi del Governo a favore delle famiglie. è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 70 del 25 marzo 2010 il bando per il finanziamento di nuovi progetti, previsto dal decreto del Sottosegretario di Stato alle politiche per la famiglia del 14 dicembre 2009. Ogni progetto selezionato riceverà un contributo finanziario pari a 180.000 euro.

Una parte dei contributi è riservata ai quei progetti che affronteranno nello specifico la lotta alla povertà e all'esclusione sociale delle famiglie. I progetti potranno essere presentati da soggetti privati, comunque denominati, che svolgono la loro attività prevalentemente nel campo delle politiche familiari.

La valutazione dei progetti sarà effettuata da una Commissione nominata con decreto del Capo del Dipartimento, composta da cinque membri effettivi e cinque membri supplenti, di cui uno con funzioni di Presidente e uno con funzioni di Vice Presidente.

La valutazione verrà effettuata dalla Commissione sulla base della qualità, innovatività ed adeguatezza delle misure previste a sostegno delle esigenze delle famiglie, nonché dei criteri stabiliti dal bando predisposto dal Dipartimento.

Il bando indica, altresì, la durata massima dei progetti ammessi, la documentazione richiesta per la presentazione dei progetti, le modalità di erogazione dei contributi destinati a ciascuno dei progetti selezionati, nonché le modalità ed i termini di presentazione della domanda.

I soggetti proponenti i progetti selezionati ai sensi del comma 3 dovranno stipulare una apposita convenzione con il Dipartimento per le politiche della famiglia, per la disciplina dei reciproci rapporti, anche al fine della materiale erogazione dei contributi.

Sono escluse dalla partecipazione le persone fisiche, i partiti, i sindacati, e tutte le associazioni facenti capo, o comunque affiliate, a partiti politici o sindacati.

Le domande di partecipazione dovranno essere inviate entro il 24 maggio 2010.

Il Bando è consultabile sul sito del Dipartimento politiche per la famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Fonte: Dipartimento per le politiche della famiglia

Condividi questo articolo