Furti online e bancomat rubati, Confconsumatori ottiene 3 vittorie

Furti online, bancomat rubati e investimenti pericolosi: Confconsumatori colleziona 3 vittorie in Tribunale e manda un messaggio forte ai consumatori. “La legge ci aiuta a difendere i nostri soldi inchiodando le banche alle proprie responsabilità di garantire adeguate informazioni e sicurezza delle operazioni”. Il Tribunale di Milano dichiara nullo l’acquisto online di azioni rischiose; il Tribunale di Piacenza condanna la banca a risarcire un furto online di 30mila euro; il Giudice di Pace di Milano annulla acquisti fatti con bancomat rubato.L’Associazione dei consumatori riassume le 3 vittorie ottenute dai suoi legali.

Il Tribunale di Milano ha condannato una banca a restituire l’intero importo (oltre 62mila euro) investito a novembre 2007 in azioni Di Olis plc tramite un servizio di “banca telematica”. Per il Giudice l’acquisto è nullo in quanto l’Istituto di Credito ha violato il regolamento Consob ai sensi del quale gli intermediari non possono consigliare né effettuare operazioni senza fornire all’investitore informazioni adeguate sui rischi; inoltre la banca, dopo le operazioni effettuate, non avrebbe assunto il nuovo profilo di rischio come previsto dalla norma. “La sentenza è fondamentale – spiegano gli avvocati di Confconsumatori Giovanni Franchi e Massimiliano Valcada – in quanto chiarisce che anche quando si utilizzano sistemi digitali d’acquisto la banca non può sottrarsi alle proprie responsabilità”.

Un cittadino di Piacenza, invece, titolare di due distinti rapporti di conto corrente presso una banca locale, per agevolare il pagamento di imposizioni e oneri fiscali aveva attivato il servizio Banklink su entrambi, conservando con cura codice di identificazione e password. Nonostante la prudenza l’uomo si era visto sottrarre oltre 30 mila euro mediante operazioni mai approvate. Il Tribunale di Piacenza ha condannato la banca al risarcimento della somma sottratta oltre che del danno non patrimoniale di 500 euro. “Nel servizio di home banking – spiega l’avvocato Giovanni Franchi – la banca non può sottrarsi ai suoi doveri di controllo e deve provare di aver fornito al cliente un adeguato livello di sicurezza”.

Infine, a Milano, una donna ha subito il furto dell’auto all’interno della quale aveva lasciato la borsetta con il bancomat, dotato di dispositivo contactless. Nonostante la donna avesse provveduto immediatamente al blocco della carta appena scoperto il furto, si era trovata addebitate due operazioni da 600 e 860 euro. L’istituto di credito si era rifiutato di rimborsare gli importi sostenendo che la donna avesse conservato il Pin insieme alla carta. Il Giudice di Pace di Milano, invece, ha condannato l’Istituto a rimborsare la donna facendo presente da un lato che esistono hacker in grado di decodificare il Pin e dall’altro lato ha citato diverse pronunce dell’Arbitro Bancario Finanziario favorevoli al consumatore in casi simili. “Come riporta la sentenza – commenta l’avvocato Sabrina Contino di Confconsumatori Milano – non si può automaticamente presumere che il furto e il successivo prelievo sia sempre conseguenza dell’incuria nella conservazione di carte e Pin: c’è sempre bisogno di una prova concreta in tal senso”.

Condividi questo articolo