Furto identità, vittima un italiano su quattro. Adiconsum: serve più informazione

Un italiano su quattro è vittima di furto di identità. E gli abitanti del Belpaese mostrano anche di conoscere ben poco questo fenomeno, di non esserne spaventati quanto lo sono dalle frodi, e quindi di non sapersi difendere.

Si tratta di un furto che “colpisce ormai centinaia, migliaia di persone al giorno, che rischiano di vedersi sostituire in attività finanziare, in acquisto di immobili e attività economiche”. è quanto ricorda Adiconsum, che sottolinea la necessità di informare i fruitori della rete.

L'associazione fa riferimento a una recente ricerca svolta dall'UNICRI, l'agenzia dell'ONU per la prevenzione del crimine, su “Il Furto di identità: immagine, atteggiamenti e attese dei consumatori italiani”, dalla quale è emerso che, sulla clonazione di bancomat e carte di credito, ma anche su addebiti per servizi o prodotti mai acquistati e mai richiesti, contratti mai effettuati, gli italiani ne sanno ben poco. Su 800 intervistati dai 25 ai 64 anni, ben 1 su 4 è stato vittima di furto di identità.

L'associazione, afferma in una nota, “ritiene che sia assolutamente necessario che le nuove normative in via di emanazione sulla frode e in particolare sul furto di identità trovino immediata applicazione e siano rese di larga conoscenza ai consumatori, soprattutto di coloro che fruiscono dell'E-Commerce. è altresì importante che i fruitori di internet utilizzino tutti gli accorgimenti per non cadere nelle trappole della criminalità utilizzando siti sicuri e non dando retta a “vincite milionarie” di false lotterie internazionali”.

redattore: BS

Condividi questo articolo