Gas, Autorità energia: partono controlli a sorpresa per sicurezza consumatori

Parte la campagna annuale dell’Autorità per l’energia con i controlli a sorpresa sulla qualità e sulla sicurezza del gas, mentre dal primo gennaio del prossimo anno sarà migliorata la polizza assicurativa in caso di incidenti causati dal gas. Così l’Autorità per l’energia, che svolgerà i controlli insieme alla Guardia di Finanza. Sotto esame il rispetto delle norme che garantiscono la qualità e la sicurezza del gas distribuito in rete ai consumatori. Si tratta di controlli mirati volti a ridurre gli incidenti domestici. 

Il gas naturale infatti è inodore, dunque deve obbligatoriamente essere miscelato con apposite sostanze perché assuma un odore caratteristico che consenta di individuare eventuali dispersioni; la mancata o insufficiente odorizzazione comporta responsabilità penali per i distributori proprio perché rende difficile localizzare fughe o perdite di gas. Le ispezioni dell’Autorità verificheranno la corretta odorizzazione del gas, fondamentale per prevenire esplosioni o intossicazioni, e l’applicazione della regolazione su elementi come il potere calorifico superiore e la pressione di fornitura, fondamentali per garantire la sicurezza, ma anche la corretta contabilizzazione economica in bolletta del gas fornito. Dall’inizio dei controlli, nel 2004, sono stati ispezionati quasi 700 impianti, identificando 37 casi di violazione dei limiti di legge per l’odorizzazione, con la denuncia dei distributori inadempienti all’Autorità giudiziaria (4 denunce nel 2015).

Novità in vista anche per il prossimo anno. Dal primo gennaio 2017, comunica l’Autorità energia,  “sarà ampliata e migliorata la già esistente polizza assicurativa per la copertura dei danni in caso di incidenti causati dal gas, che vedrà aumentare i massimali per risarcimento a cose o persone. Rispetto a quella finora in vigore, la nuova polizza, con costi individuabili in modo più chiaro in bolletta (attualmente 0,6 euro/anno), avrà una durata quadriennale e vedrà incrementati i massimali in caso di risarcimento per le sezioni incendio e infortuni”.

Condividi questo articolo